Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Forbes: Russia ha mandato in fumo piani NATO e USA nel Mar Nero grazie a Crimea

© Sputnik . Vasiliy Batanov / Vai alla galleria fotograficaSebastopoli, Crimea
Sebastopoli, Crimea - Sputnik Italia
Seguici su
La Russia ha compiuto grandi sforzi per rafforzare la sua posizione nel Mar Nero ed ha ottenuto progressi significativi, mandando in fumo così i piani della NATO per costituire un'alleanza nella regione, scrive “Forbes”.

Recentemente gli Stati Uniti ambiscono sempre più alla cooperazione con i Paesi del Mar Nero, invitandoli ad organizzare insieme esercitazioni navali e discutere con loro le prospettive per la produzione congiunta di armi.

Tali azioni verso gli Stati confinanti con la Russia vengono spiegate a Washington con la necessità di difenderli dalla presunta "minaccia" di Mosca, osserva la rivista.

Allo stesso tempo i Paesi occidentali sono ben consapevoli che la Russia da centinaia di anni considera la stabilità nel Mar Nero come uno dei più importanti fattori che le garantisce la sicurezza e per questo motivo questa regione ha una grande importanza strategica e storica per Mosca, si afferma nell'articolo.

Dopo la riunificazione con la Crimea, la Russia ha bloccato il Mar Nero attraverso una combinazione di missili anti-nave supersonici con un raggio di 600 km, aerei militari, così come di navi e sottomarini, scrive il giornale.

Le caratteristiche della flotta russa limitano pesantemente il raggio d'azione degli Stati Uniti e della NATO: anche la più piccola nave di pattugliamento russa può colpire più efficacemente di qualsiasi altra nave nemica con i missili "Kalibr" e i razzi teleguidati, conclude l'articolo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала