Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Russia si prepara a castigare il Daesh

© Sputnik . Alexei DanichevLa portaerei “Admiral Kusnetsov”
La portaerei “Admiral Kusnetsov” - Sputnik Italia
Seguici su
Finora non c’è stata alcuna reazione del Cremlino all’abbattimento di un elicottero russo in Siria costato la vita ai due piloti. Secondo il Kommersant, i militari pensano all’aumento dei voli dalla base aerea Khmeimim e al coinvolgimento nell’operazione “Castigo”della portaerei “Admiral Kusnetsov”.

Putin esorta a pregare per i piloti uccisi in Siria - Sputnik Italia
Putin esorta a pregare per i piloti russi uccisi in Siria
La portaerei "Admiral Kusnetsov" dispone di 15 caccia e 10 elicotteri. Stando ai media, la portaerei parteciperà agli attacchi contro il Daesh dal Mediterraneo orientale a partire da ottobre 2016 fino ad aprile 2017, tuttavia le fonti del Kommersant sostengono che l'inizio potrebbe essere anticipato a fine agosto.

Quanto può essere efficace l'operazione "Castigo" e quanto produttiva l'azione dell'aeronautica militare dal momento che il 15 marzo è stata annunciata la conclusione della fase attiva dell'operazione russa in Siria?

"Certo, possiamo colpire gli ipotetici assembramenti di guerriglieri sul territorio controllato dal Daesh, da al-Nusra e dagli altri gruppi terroristici come ritorsione per l'uccisione dei nostri piloti. Questo può avvenire con l'impiego dell'aviazione o di missili alati. Ma ciò assumerà piuttosto un carattere morale psicologico. Sicuramente nessuno potrà calcolare il numero di guerriglieri uccisi", ha commentato il direttore del Centro di studio del Medio Oriente e dell'Asia Centrale Simyon Bagdasarov.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала