Generale USA riconosce la professionalità dei piloti dell'Aviazione russa

Seguici suTelegram
Il comandante delle forze aeree degli Stati Uniti in Europa e in Africa, il generale Frank Gorenc, ha lodato la professionalità dei piloti russi, pur rilevando che le azioni di alcuni equipaggi "suscitano domande", scrive “Air Force Times”.

"Ci imbattiamo spesso nello spazio aereo internazionale con i piloti russi. La maggior parte dei loro intercettamenti è professionale, tuttavia di tanto in tanto ci sono dubbi sulle azioni dei singoli equipaggi, che ci lasciano pensare:che cosa fanno?", — ha detto il militare.

La principale preoccupazione del Pentagono è l'eccessivo avvicinamento dei caccia russi agli aerei americani. Ad esempio lo scorso gennaio il caccia russo Su-27 ha volato vicino l'aereo di ricognizione americano RC-135U, che, secondo quanto dichiarato a Washington, svolgeva "un volo di routine" sul Mar Nero a 30 miglia a largo della costa della Russia. E' stato inoltre riferito che alla fine di aprile, al largo della costa della Kamchatka, un MiG-31 è decollato per intercettare il velivolo da pattugliamento P-8 Poseidon della Marina USA. Allora nel Dipartimento della Difesa statunitense avevano bollato le azioni dei piloti russi "insicure e poco professionali."

L'articolo cita inoltre un rappresentante anonimo delle forze aeree americane, che ha rivelato che i piloti statunitensi vengono istruiti come comportarsi in caso di intercettamento. In particolare i piloti devono astenersi da qualsiasi manovra e continuare il volo sulla rotta prevista, mostrando "la massima prevedibilità".

Al ministero della Difesa russo hanno più volte sottolineato che i piloti dell'Aviazione agiscono in conformità a tutte le norme internazionali di utilizzo dello spazio aereo.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала