Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Crisi Ucraina, generale NATO complottava contro Obama per escalation militare con Russia

© AFP 2021 / PETRAS MALUKASUS General Philip Breedlove addresses the media at the Hotel Radisson Blu Lietuva in Vilnius on September 20, 2014
US General Philip Breedlove addresses the media at the Hotel Radisson Blu Lietuva in Vilnius on September 20, 2014 - Sputnik Italia
Seguici su
Il generale statunitense in congedo ed ex comandante delle forze NATO in Europa Philip Breedlove ha cercato di superare l'opposizione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama ad esasperare le tensioni militari con la Russia nel conflitto ucraino iniziato nel 2014.

Lo riporta il sito "The Intercept", riferendosi all'analisi dei messaggi di posta elettronica dell'account Gmail di Breedlove hackerati da un gruppo di sconosciuti pirati informatici che hanno reso pubblica la corrispondenza sul sito "DC Leaks".

Obama ha resistito alle pressioni politiche del Congresso e delle forze armate in merito alla fornitura di armi letali all'esercito ucraino, temendo un aggravamento dello spargimento di sangue nel conflitto e di regalare al presidente della Russia Vladimir Putin il pretesto per un aggressione più decisa contro l'Ucraina.

Durante le audizioni al Congresso Breedlove ha più volte discusso e criticato l'amministrazione Obama relativamente alla situazione in Ucraina: alla fine sono circolate notizie di un braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti e il generale. In una serie di messaggi del 2014 emerge che Breedlove ambiva ad un incontro con l'ex segretario di Stato Colin Powell, per chiedere consigli su come mettere sotto pressione l'amministrazione Obama a prendere una posizione più aggressiva nei confronti della Russia.

"Potrei sbagliarmi, ma non vedo come Washington sia in realtà "predisposta" a lavorare con l'Europa e la NATO. Francamente penso che siamo preoccupati… minaccia di portare la nazione al conflitto", — Breedlove ha scritto in una e-mail a Powell, chiedendo un incontro per discutere questa situazione.

"Chiedo il suo consiglio tenendo conto di due aspetti.. come sfruttare questa opportunità in un momento in cui tutti gli occhi sono puntati contro l'ISIS,…il secondo… come risolvere questo problema personalmente con POTUS (abbreviazione che indica il presidente degli Stati Uniti, ndr)" — scrive Breedlove.

Cercava di esercitare pressioni sull'amministrazione Obama attraverso più canali, inviando e-mail ad esperti di geopolitica ed ufficiali militari in pensione, tra cui l'ex comandante supremo della NATO Wesley Clark, contando sull'appoggio all'idea per fornire assistenza militare alle forze ucraine.

"Penso che POTUS ci consideri come una minaccia da ridurre al minimo… non entrare in una guerra????," — Breedlove ha scritto in una lettera ad Harlan Ullman, consulente dell'Atlantic Council (Consiglio Atlantico), descrivendo gli sforzi per ottenere il sostegno di Powell per influenzare Obama.

"Date le istruzioni di Obama per non iniziare una guerra, forse può essere difficile da realizzare," — ha detto Ullman pochi mesi dopo rispondendo alle nuove richieste di Breedlove per "persuadere, convincere o costringere" gli Stati Uniti ad una risposta alle azioni della Russia.

Breedlove non ha risposto alle richieste dei giornalisti di commentare la sua corrispondenza.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала