Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Giordania blinda i confini con Siria e Iraq

Seguici su
La decisione di Amman dopo il secondo attentato in due settimane, che ieri ha ucciso 6 guardie di frontiera giordane.

E' di almeno sei morti e quattordici feriti il bilancio dell'attacco, già rivendicato dai miliziani del sedicente Stato islamico in Giordania, al confine con Siria e Iraq. Le vittime sono tutte militari, colpiti da un'autobomba nei pressi di un campo profughi. Subito dopo l'attentato è apparsa online una rivendicazione del Daesh.

"I terroristi — ha scritto su Twitter il vie premier e ministro giordano degli Esteri Nasser Judeh — colpiscono ancora una volta, questa volta contro le nostre guardie di frontiera".

Quello di ieri infatti è il secondo attacco in due settimane contro militari giordani alla frontiera siriana: due settimane fa l'uccisione di 3 ufficiali dell'intelligence giordana nel campo profughi palestinese di Baa, a pochi chilometri dalla capitale Amman.

L'escalation di attentati ha indotto le autorità giordane a dichiarare zona militare invalicabile il confine con la Siria e l'Iraq. Il governo di Amman ha inoltre reso noto di avere sospeso tutte le attività umanitarie nella regione e che non creerà altri campi di accoglienza per i profughi. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала