Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Guardie turche sparano su profughi, morti anche dei bambini

© REUTERS / Yannis BehrakisI rifugiati siriani sono arrivati alla costa greca dopo passaggio attraverso mar Egeo dalla Turchia.
I rifugiati siriani sono arrivati alla costa greca dopo passaggio attraverso mar Egeo dalla Turchia. - Sputnik Italia
Seguici su
L'accusa di un gruppo di attivisti: l'esercito turco ha aperto il fuoco su profughi che tentavano di passare il confine, 8 morti di cui 4 bambini.

Vigilia della Giornata mondiale per i rifugiati macchiata dal sangue ieri in al confine turco siriano, dove l'esercito di Ankara avrebbe sparato ad un gruppo di profughi siriani che tentavano di oltrepassare la frontiera, uccidendo otto persone, di cui quattro bambini.

E' quanto denunciato da un gruppo di attivisti siriani, che ha raccontato i particolari di un episodio che l'Unicef non ha esitato a definire criminale, verificatosi ieri nel nord est della Siria, al confine con la provincia turca di Hatay. I militari avrebbero aperto il fuoco sul gruppo mentre dalla siriana di Jisr al-Shogur cercavano di raggiungere la Turchia.

I vertici militari di Ankara però hanno smentito categoricamente di aver aperto il fuoco direttamente sui migranti che cercavano di attraversare il confine, come già successo in altre controverse circostanze da quando, a seguito con l'accordo siglato con la Ue sui migranti, Ankara ha deciso di chiudere il confine con la Siria.

"La scorsa notte — si legge in un comunicato diffuso dall'esercito — c'è stato un tentativo di passare la frontiera illegalmente ma non sono stati sparati colpi d'arma da fuoco direttamente sulle persone. Dopo alcuni spari d'avvertimento il gruppo è scappato nella foresta". 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала