Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA, "la politica estera di Hillary Clinton più pericolosa delle dichiarazioni di Trump"

© REUTERS / Scott Audette (L), Javier Galeano (R)Donald Trump e Hillary Clinton
Donald Trump e Hillary Clinton - Sputnik Italia
Seguici su
In precedenza Trump aveva invitato a riconsiderare il livello di partecipazione degli Stati Uniti nella NATO e aveva definito l'Alleanza Atlantica come un'organizzazione obsoleta e costosa per il bilancio degli Stati Uniti.

La Clinton ha visto in queste dichiarazioni una minaccia per la posizione degli Stati Uniti a livello internazionale ed ha sostenuto la necessità in questo momento di dare continuità alla politica estera condotta dagli Stati Uniti.

"In sostanza si tratta di una politica irrazionale, iniziata nei giorni della guerra fredda; se questa politica era irrazionale nei tempi della guerra fredda, proseguirla ora è ancora più irrazionale, perché la guerra fredda è finita," — si legge in un articolo della rivista americana "The National Interest".

Allo stesso modo l'autore dell'articolo ritiene che Trump lanci appelli esclusivamente per la revisione "di un impegno superato, irremovibile e costoso per proteggere un gran numero di Paesi in tutto il mondo", mentre la Clinton già a suo tempo si è schierata a favore delle "innumerevoli e all'apparenza senza fine campagne militari", come nei Balcani, Iraq e Libia, per sostenere lo status informale di "impero americano."

Tenendo conto del debito pubblico americano, che ha raggiunto i 19 trilioni di dollari, Washington non può più permettersi una politica estera che richiede la presenza di centinaia di basi militari in tutto il mondo e la conduzione di diverse campagne militari. Pertanto le parole di Trump hanno senso, si riassume nell'articolo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала