Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nato, vertice a Bruxelles dei ministri della Difesa per potenziamento a est dell'Allenza

© AFP 2021 / JANEK SKARZYNSKIAviolancio delle truppe USA durante le esercitazioni Anaconda-2016
Aviolancio delle truppe USA durante le esercitazioni Anaconda-2016 - Sputnik Italia
Seguici su
Al via i lavori della due giorni nella capitale europea in vista della preparazione del vertice di Varsavia ma anche per fare il punto sulla cooperazione tra Unione e l'organizzazione nonché per la distribuzione di quattro ingenti battaglioni nei paesi baltici e in Polonia.

Latvian officers stand guard during the NATO flag rising ceremony in front of the Presidents castle in Riga - Sputnik Italia
Nato, ministero Esteri tedesco: Sensazione minaccia motivo sufficiente per sforzi Alleanza
Centrale l'introduzione dei quattro 'robusti' gruppi militari, che saranno composti da forze multinazionali, dispiegati nei paesi baltici e in Polonia. Con questee premesse è iniziata oggi la ministeriale a Bruxelles, a cui ha partecipato anche il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in vista del vertice di Varsavia in programma il 9 e 10 luglio.

"Nei prossimi due giorni metteremo le basi per le decisioni del prossimo summit — ha affermato Stoltenberg in conferenza stampa —. Inoltre siamo d'accordo nel distribuire a rotazione i quattro robusti battaglioni multinazionali in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia sotto il comando Nato".

Il politico norvegese ha anche parlato della possibilità che vengano prese delle decisoni rispetto a una presenza "su misura" nella regione del sud-est europeo, in particolare in riferimento a una struttura di terra che potrebbe sorgere nel territorio rumeno.

A preparazione del prossimo tavolo di Varsavia, è stato e sarà ribadito l'impegno per un'intensificazine delle attività di sorveglianza aerea nel Mar Baltico, nell'ottica di quello che viene definito dagli stessi ambienti Nato come un "rafforzamento collettivo" da implementare.

Si cementano, insomma, quelle che furono le decisioni prese già nello scorso meeting di febbraio dei ministri delle Difesa Ue: da una parte l'irrobustimento della presenza dell'Alleanza lungo i suoi confini orientali, dall'altro l'aumento dell'attività di sorveglianza a sud del continente tramite il sistema Awacs (Airborne warning and control system), un sofisticato radar destinato anche al contrasto dei terroristi del Daesh e per il controllo dei cieli sopra il Mar Egeo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала