Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Iran, al via campagna per incrementare produzione interna di petrolio

Seguici su
Il Paese ha intenzione di aumentare le sue capacità di raffinazione di greggio e condensati di oltre il 70 per cento nei prossimi quattro anni, riducendo l'importazione dall'estero. In più il governo di Teheran ha annunciato nuovi investimenti per la creazione di cinque nuovi impianti per la depurazione dell'oro nero.

Aumentare la produzione interna di greggio e migliorare le caratteristiche del carburante per soddisfare sempre di più il mercato interno. É quanto si propone di fare l'Iran nel rilanciare il comparto petrolifero del proprio paese in seguito alla rimozione delle sanzioni internazionali sul nucleare.

Petrolio - Sputnik Italia
Iran respinge piano saudita per congelare la produzione di petrolio
A confermare il programma, che porterà un aumento del 70% della produzione interna entro il 2020, è stato l'amministratore delegato della National Iranian Oil Refining and Distribution, Abbas Kazemi, come riportato nelle scorse ore dai media nazionali. Secondo il funzionario dell'agenzia di stato per il petrolio, l'Iran dovrà essere in grado di portare la sua capacità di raffinazione sino a 3,2 milioni di barili al giorno, a condizione di una campagna di investimenti, anche stranieri, da 14 miliardi di dollari per intensificare le attività delle cinque raffinerie già esistenti, tra cui quella di Abada i cui costi per la modernizzazione dell'impianto saranno a carico dello Stato.

Inoltre sono stati annunciati i lavori per la costruzione di nuove cinque unità per la raffinazione, tra queste la Persian Gulf Star nel porto di Bandar Abbad, che sarà disponibile entro il marzo del 2017.

Quest'impianto — è il proposito di Kazemi — diventerà la prima raffineria del Paese con un produzione stimata di 360mila barili giornalieri.

Parole che fanno il paio con quanto dichiarato nei giorni scorsi dallo stesso ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, che parlando ai neoeletti deputati del Parlamento nazionale ha spiegato come il Paese sia tornato a incassare le entrate dell' outbound petrolifero, bloccate negli anni passati dalle sanzioni internazionali.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала