Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Die Zeit: la NATO sta per compiere il più grande errore della sua storia

© AFP 2021 / GEORGES GOBETNATO
NATO - Sputnik Italia
Seguici su
L'Alleanza Atlantica commetterà uno dei più grandi errori della sua storia, quando porterà a termine la costruzione del sistema di difesa missilistica in Europa, ritiene l'editorialista di "Die Zeit" Jochen Bittner.

Recentemente nel centro romeno di Deveselu ha iniziato a funzionare la prima base di difesa aerea degli Stati Uniti in Europa, mentre in Polonia entro il 2018 dovrebbe essere completata la costruzione di un'altra struttura simile. Mosca vede tutto questo come una minaccia alla stabilità strategica nel continente ed ha avvertito che a seguito di questo contesto il Trattato INF per l'eliminazione dei missili a medio e corto raggio potrebbe smettere di rispondere agli interessi russi.

Ora il destino di questo trattato è a rischio, scrive Bittner. Lo schieramento dei lanciamissili russi "Iskander" nella regione di Kaliningrad, a suo parere, non viola una lettera, ma lo spirito del documento. E dal punto di vista di Mosca, si configura come una violazione diretta dell'accordo la base della NATO in Romania.

"Nella NATO cresce la preoccupazione che la Russia possa recedere unilateralmente dallo storico accordo. <…> Ma non sarebbe meglio per la NATO usare il freno di emergenza e congelare la costruzione del sistema di difesa missilistica?", — si chiede il giornalista tedesco.

L'autore sottolinea che i sistemi anti-missile dell'Alleanza Atlantica non sono tecnicamente in grado di intercettare i missili russi moderni, che trasportano diverse testate. Al contrario il discorso cambia in relazione ai missili dell'Iran o della Corea del Nord. Ma la probabilità che Teheran o Pyongyang colpiscano l'Europa non sono troppo alte.

"Non è sorprendente che la Russia consideri il sistema della NATO diretto contro di essa. Chi sa come si svilupperanno le tecnologie di difesa missilistica in futuro," — rileva Bittner.

"In altre parole la NATO si difende dal minimo rischio che corre dall'Iran e dalla Corea del Nord, e allo stesso tempo va incontro al massimo rischio che la Russia aumenti il suo potenziale nucleare," — sottolinea l'autore.

Il Trattato INF garantisce all'Europa molta più sicurezza rispetto alle 2 basi di difesa missilistica tecnicamente discutibili, conclude il giornalista.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала