Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Russia, in consiglio regionale Lombardia mozione lista Maroni contro sanzioni

Seguici su
Il Consigliere Fossati: “Si istituisca un comitato lombardo per revocarle”. Sanzioni hanno avuto un pesante impatto sull’economia italiana abbattendo le esportazioni di 3,6 miliardi di euro.

Lino Fossati, consigliere regionale del gruppo "Maroni Presidente", ha depositato una mozione che chiede al Consiglio regionale lombardo l'istituzione di un comitato lombardo contro le sanzioni alla Federazione Russa, per il riconoscimento del diritto di autodeterminazione della Crimea e per la difesa delle nostre produzioni.

"Dopo la crisi politica e militare scaturita in Ucraina nel 2014 — spiega Fossati — l'Unione Europea ha promosso una serie di misure restrittive nel tentativo di danneggiare il mercato russo e di isolare politicamente la Russia dal resto d'Europa. Tali sanzioni hanno avuto un pesante impatto sull'economia italiana abbattendo le esportazioni di ben 3,6 miliardi di euro. Come rileva la Cgia di Mestre, una delle regioni maggiormente colpite risulta essere la Lombardia, che ha subito un calo di 1,18 miliardi di euro nell'export. Le misure contro la Russia, inoltre, hanno sancito inoltre il crollo degli investimenti russi in Italia, in particolare a causa delle sanzioni che limitano i trasferimenti finanziari".

Russian regions, Crimea - Sputnik Italia
Anche Lombardia vuole esprimersi sulla Crimea e sanzioni antirusse
"Nonostante i pesanti effetti derivanti dall'applicazione di tali sanzioni — afferma il consigliere — le recenti dichiarazioni del capo della diplomazia dell'Unione europea Federica Mogherini riguardanti la Crimea allontanano la ripresa del dialogo con la Federazione Russa e la mitigazione della conflittualità indebolendo la sicurezza internazionale. A fronte di una situazione di questo tipo non possiamo rimanere con le mani in mano. Attraverso questa mozione, che auspico possa essere approvata a larga maggioranza dal Consiglio regionale, invitiamo il presidente Maroni ad attivarsi presso il Governo centrale e presso ogni altra sede istituzionale, per chiedere la revisione dei rapporti tra l'Unione Europea e la Federazione Russa, evidenziando i danni irreversibili alla nostra economia provocati dalle scelte dell'Unione".

"Inoltre — aggiunge Fossati —, ritengo sia opportuno promuovere la costituzione di un Comitato lombardo che abbia lo scopo di raccogliere sottoscrizioni per la definitiva revoca delle sanzioni contro la Russia. Attraverso il documento depositato in Consiglio chiedo infine di trasmettere al Governo l'invito a superare l'attuale politica internazionale dell'Unione Europea nei confronti della Crimea, in quanto fortemente discriminante ed ingiusta sotto il profilo dei principi del Diritto Internazionale, a riconoscere la volontà espressa dal Parlamento di Crimea e dal popolo mediante il referendum popolare e a sollecitare l'immediato ritiro delle sanzioni contro la Russia, che stanno comportando gravi danni all'economia della Lombardia, del Nord Italia e dell'intero Paese".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала