Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Kerry: la Cina non agisca in modo provocatorio

© AFP 2021 / Saul LoebSegretario di Stato USA John Kerry
Segretario di Stato USA John Kerry - Sputnik Italia
Seguici su
Il segretario di stato americano, John Kerry, ha dichiarato che gli USA considereranno l'istituzione da parte della Cina di una zona di identificazione per la difesa aerea sopra il Mar Cinese Meridionale come un «atto provocatorio e destabilizzante». Lo ha riferito la Reuters.

Secondo Kerry, si tratta di «aumentare automaticamente la tensione e mettere seriamente in questione la propensione della Cina ad un regolamento diplomatico delle dispute territoriali nel Mar Cinese Meridionale».

«Pertanto, esortiamo la Cina a non agire unilateralmente in modo provocatorio», ha aggiunto il segretario di stato americano.

I piani della Cina sono stati resi noti mercoledì dal South China Morning Post. Dopo di che, il ministero cinese della Difesa ha inviato una dichiarazione scritta al giornale, sostenendo che la possibilità di istituire tale zona è «un diritto dello stato sovrano».

Alla fine di novembre 2013 la Cina ha annunciato l'istituzione di una zona di identificazione per la difesa aerea sopra il Mar Cinese Orientale, dove si trovano le isole Senkaku contestate, e ha chiesto che gli aerei che volano in tale zona devono indicare la loro rotta e le frequenze radio. USA, Giappone, Repubblica di Corea, Australia e altri paesi hanno accolto negativamente tale mossa.

La Cina e alcuni paesi della regione (Giappone, Vietnam e Filippine) sono in contrasto riguardo la questione dei confini marittimi e le aree di responsabilità nel Mar Cinese Orientale e Meridionale. La Cina ritiene che un certo numero di paesi, come le Filippine e il Vietnam, godono del sostegno degli USA per fomentare l'escalation della tensione nella regione. Nel gennaio 2013 le Filippine hanno contestato unilateralmente, nel Tribunale internazionale del diritto marittimo, le pretese della Cina su una serie di aree del Mar Cinese Meridionale, ma Pechino ha respinto categoricamente la possibilità di affrontare tali questioni in arbitrato internazionale.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала