Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Russia deve limitare l’influenza negativa dell’Ucraina sulla politica

Seguici su
Mosca ha bisogno di limitare l’influenza negativa deviante del fattore Ucraina sulla politica russa. Ne hanno parlato i membri del gruppo di lavoro del Consiglio per la politica estera e della difesa sotto la direzione del decano della facoltà di economia e politica internazionali presso l’Alta Scuola di Economia Sergej Karaganov.

"Innazitutto l'Ucraina continua a decadere. È importante limitare l'influenza negativa e deviante del fattore Ucraina sulla politica russa. Il programma di attuazione minima è arrestare la futura espansione degli alleati occidentali in Ucraina, altri stati e territori di vitale importanza dal punto di vista della sicurezza della Russia. Adesso è conveniente, ottenendo l'ottemperanza degli accordi di Minsk, al massimo nei prossimi anni, per quanto possibile, astrarsi dall'Ucraina, assicurando le frontiere", si legge nel documento pubblicato ieri all'Alta Scuola di Economia.

Gli autori della tesi ritengono che il problema del Donbass in questo momento non è risolto, meglio avere un congelamento del conflitto. Dopo qualche periodo di tempo, secondo loro, in Ucraina potrebbero sorgere nuove possibilità, ma anche nuove sfide per la Russia.

"Sarebbe utile una politica attiva di raccolta delle importanti sequenze di lavoro in Russia, integrazione del capitale umano nazionale", indica la tesi del gruppo di lavoro.

Si segnala inoltre che i casi ucraini e simili dovrebbero essere risolti sulla base del "trattato di neutralità permanente" e nuovi formati di cooperazione e sicurezza. "Tenendo conto delle nuove realtà, in primo luogo lo spostamento verso l'Occidente della Cina, la scommessa dovrà farsi sulla sostituzione dell'orientamento unilaterale geopolitico europeo della Russia eurasiatica", ritengono gli esperti.

Il Consiglio per la politica estera e della difesa è un'associazione non governativa pubblica, fondata il 25 febbraio 1992 a Mosca da un gruppo di politici, dirigenti di giri d'affari, imprenditori, funzionari pubblici e governativi, rappresentanti di ministeri, del complesso militare-industriale, della scienza e dei media. Lo scopo dell'organizzazione è quello di promuovere lo sviluppo e l'attuazione di concetti strategici di sviluppo della Russia, della sua politica estera e della difesa.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала