Guardian: l’uscita del Regno Unito dall’UE sarebbe una grande opportunità per la Russia

© AFP 2022 / Ben StansallBrexit
Brexit - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Mosca non percepisce l’uscita del Regno Unito dall'Unione Europea come una tragedia, al contrario, per la Russia è una grande opportunità. Lo ha scritto il corrispondente da Mosca del Guardian, Sean Walker.

«Non ci sono prove che la Russia stia cercando di influenzare le future votazioni, ma certamente si ritiene che una UE indebolita, occupata con le conseguenze dell'uscita del Regno Unito, sarebbe un partner più malleabile», dice l'articolo.

Per Mosca potrebbero aprirsi reali opportunità di politica estera: la rottura con la Gran Bretagna, che occupa una tradizionalmente una delle più dure posizioni nel continente verso la Russia, indebolirà l'unità dell'Europa su questioni come, ad esempio, il conflitto in Ucraina. Inoltre, la stessa Gran Bretagna dopo l'uscita dall'UE potrebbe improvvisamente aver bisogno di nuovi amici.

Gli oppositori del Brexit utilizzano un ipotetico interesse russo come un argomento a loro favore, aggiunge il giornalista. L'ex primo ministro belga Guy Verhofstadt ha scritto che «l'unico leader che uscirà vincitore da questa situazione è Vladimir Putin». Anche il primo ministro britannico, David Cameron, ha detto che l'uscita del Regno Unito dalla UE sarebbe la felicità del presidente russo. La Russia, a sua volta, non manifesta nessun atteggiamento nei confronti del referendum britannico.

Secondo il politologo Sergej Utkin, qualsiasi propaganda dalla Russia a favore del Brexit sarebbe controproducente, visto come la Russia viene percepita all'estero. Mosca prende le distanze da questa questione, anche se qualcuno nell'establishment ritiene che la decisione di Londra di abbandonare l'Unione europea sia negli interessi russi.

«Se la Gran Bretagna lasciasse l'Unione Europea, la Russia potrebbe trovarsi in una situazione comoda in quanto Mosca potrebbe dire al governo britannico: i membri della UE sono infelice e feriti dalla vostra decisione di abbandonarli, voi avete bisogno di amici e siamo pronti per la cooperazione», sostiene Utkin.

Il Guardian osserva che a maggio si è recata a Mosca una delegazione di membri del Comitato parlamentare britannico per gli Affari Esteri. Secondo i deputati, i loro colleghi russi non erano molto interessati alla discussione sul referendum britannico. I diplomatici occidentali hanno anche osservato che la questione del Regno Unito è ancora alla periferia degli interessi russi.

Il referendum sulla membership della Gran Bretagna con Unione Europea si terrà il 23 giugno. Secondo i sondaggi, il numero di sostenitori e oppositori del Brexit è più o meno lo stesso. La domanda del referendum, che nel paese è già stata definita la più importante decisione strategica di un'intera generazione, recita: "Il Regno Unito dovrebbe rimanere membro dell'Unione Europea oppure dovrebbe lasciare l'Unione Europea?»

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала