Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

NATO peccato che sei nata

© REUTERS / Marko DjuricaLe ombre del Secretario Generale di NATO Jens Stoltenberg e del primo ministro serbo Aleksandar Vucic alla conferenza stampa tenuta a Belgrado nel novembre del 2015
Le ombre del Secretario Generale di NATO Jens Stoltenberg e del primo ministro serbo Aleksandar Vucic alla conferenza stampa tenuta a Belgrado nel novembre del 2015 - Sputnik Italia
Seguici su
È un puro principio mafioso, quando un criminale forte e aggressivo esercita il suo potere sui deboli. È la celebrità e la paura, che fanno acquisire al criminale il potere sfacciato per commettere i delitti e avere la certezza del l'impunità, perché nessuno ha coraggio di contrastarlo.

La NATO fu fondata nel 1949 come pretesto per contenere  la possibile espansione dell'URSS in Europa. Di seguito nel 1955 è stato stretto Il patto di Varsavia per contenere la possibile aggressione da parte dei paesi occidentali. Le due organizzazioni svolgevano il loro ruolo durante la guerra fredda. Ma una volta finita la guerra,  il patto di Varsavia è stato sciolto nel lontano 1991, invece la NATO è rimasta in piedi, e non c'è stata alcuna volontà politica da parte degli americani di porre fine alla sua, ormai inutile esistenza.  Al contrario si inventavano e tutt'oggi si inventono delle sfide da affrontare per tenere questa coalizione in vita.  Io la chiamo coalizione a delinquere. Il messaggio che trasmette è molto chiaro: se non sei con me, puoi essere minacciato e colpito in qualsiasi momento. Invece se fai parte della coalizione, in un certo senso ottieni la garanzia, che domani la tua casa non verrà bombardata dai tuoi stessi alleati.È un puro principio mafioso, quando un criminale forte e aggressivo esercita il suo potere sui deboli. È la celebrità e la paura, che fanno acquisire al criminale il potere sfacciato per commettere i delitti e avere la certezza del l'impunità, perché nessuno ha coraggio di contrastarlo.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg - Sputnik Italia
Stoltenberg: la NATO non vuole una nuova Guerra Fredda

Abbiamo tantissimi esempi di aggressione da parte della NATO, la Libia sarà uno degli ultimi. Sappiamo com'è andato a finire il solito bombardamento con la pretesa di insegnare ai libici nativi gli abbracci della democrazia. Ma mica i politici più influenti, che hanno combinato e combinano tutt'ora i disastri globali, si sono preoccupati più di tanto delle loro azioni criminali. A qualcuno come Tony Blair, era bastato dire "I'm sorry" per l'invasione dell'Iraq, considerando comunque, che nonostante ciò, non gli dispiace di aver abbattuto il regime di Saddam. A me il suo "I'm sorry " suona come lo avrebbe suonato, se per esempio lo avesse chiesto Goering al processo di Norimberga. Però ovviamente la NATO di Blair e Bush avevano ammazzato gli iraqeni innocenti in nome della democrazia, e a nessuno è mai venuto in mente di giudicarli come criminali di guerra.  Sembra di vivere in un mondo occidentale capovolto, dove gli assassini, assecondati dalla popolazione, accusano gli innocenti. Un'altro esempio lo aveva dato la signora Clinton, paragonando Putin a Hitler.  Io invece avrei voluto tanto domandarle se riesce ad avere sogni tranquilli, visto che sulla coscienza avrà le vittime innocenti delle guerre in Iraq, Libia e Siria,  soltanto di iraqeni sono stati ammazzati circa un milione, tra afghani e pakistani altri 300 000, e in Libia e Siria purtroppo il conto finale delle morti lo sapremo negli anni avvenire.

© SputnikSergej Lavrov ed Hillary Clinton durante i negoziati del "reset" a San Pietroburgo nel 2012
Sergej Lavrov ed Hillary Clinton durante i negoziati del reset a San Pietroburgo nel 2012 - Sputnik Italia
Sergej Lavrov ed Hillary Clinton durante i negoziati del "reset" a San Pietroburgo nel 2012

Signora Clinton, Putin non sarà un santo, ma in confronto con lei, lo è. 

Comunque tornando alla politica della NATO, vorrei sottolineare  che da quando Putin ha preteso il rispetto degli interessi nazionali, è cominciata la campagna antirussa, lanciata dagli stessi autori, citati sopra, e la NATO è diventata uno strumento importantissimo in questa campagna.  Accerchiando la Russia sempre di più e vedendola reagire, si gridava e si grida della minaccia che proviene dall'est, per stringere il cerchio ancora più forte. Cercare di provocare i russi all'infinito  e dopo marchiarli come il pericolo più grande per il mondo occidentale è ormai una linea abitudinale della NATO. Come risposta all'aggressiva politica della coalizione, la Russia però aveva dato il via alle diverse esercitazioni militari,  e soliti guerrafondai americani e i loro scrocconi subito hanno parlato del comportamento irresponsabile e destabilizzante dei vertici militari russi.

Nel lontano 2001 il presidente Putin decise di chiudere la base di Lourdes a Cuba, visti i nuovi rapporti distensivi con gli USA e le promesse false di George Bush di non approfittare del dissolvimento del patto di Varsavia, ma da quando nel processo di accerchiamento intorno alla Russia sono stati coinvolti non soltanto i paesi est europei, ma anche Ucraina e Caucaso, sono cominciate a girare le voci su una possibile riapertura della vecchia base di Lourdes. Dopo poco il presidente "Nobel per la pace" all'improvviso aveva deciso di recuperare i rapporti con Cuba, e quasi tutti i media occidentali erano in estasi per la nuova svolta storica e il crollo del muro tra Havana e Washington.

Però sembrava talmente strano, che questo evento ha seguito il girare di voci sulla possibile riapertura di Lourdes,  che credere nella buona volontà degli americani è diventato ancora più difficile. Ma se invece la base fosse stata riaperta a 180 km dalle coste statunitensi immagino che caos avrebbe creato a Washington,  probabilmente Cuba sarebbe stata bombardata in 24 ore. Al contrario, le manovre della NATO A 70 km dai confini russi è la cosa normalissima, perché il diritto ala difesa degli interessi nazionali spetta soltanto a quelli che fanno parte dell'organizzazione a delinquere, chissà ancora per quanto.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала