Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coalizione contro Daesh, vertice ministri Difesa per una strategia comune

© REUTERS / Stringer/FilesTerroristi del Daesh a Raqqa
Terroristi del Daesh a Raqqa - Sputnik Italia
Seguici su
Si riuniscono per il secondo giorno a Stoccarda i rappresentanti dei paesi coinvolti nell’alleanza internazionale per la lotta allo Stato Islamico. Sul tavolo, oltre alla questione siriana e alla crisi in Iraq, rimane centrale la ridefinizione di un piano globale per il contrasto alla minaccia dello Stato islamico.

"La campagna militare contro il Daesh è tutt'altro che finita", ha detto il segretario alla Difesa Usa, Ashton Carter, sintetizzando il nodo fondamentale su cui si è discusso nel vertice di Stoccarda. Il responsabile del Dipartimento per la sicurezza Usa ha anche fatto riferimento alla possibilità di un sostegno Nato nel contrasto allo Stato islamico con il dispiegamento di mezzi aerei per le operazioni di ricognizione in sostegno all'Alleanza.

Al via, quindi, la seconda giornata di incontri tra i ministri dei paesi che fanno parte della Coalizione. Presenti i rappresentanti e i funzionari della Difesa di Australia, Nuova Zelanda, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Spagna e Gran Bretagna.

Il segretario Usa alla Difesa ha spiegato che i ministri dei paesi della Coalizione internazionale "sono determinati a infliggere allo Stato islamico una sconfitta duratura. Ci siamo incontrati nel mese di gennaio e ho fornito loro ragguagli sulla campagna militare. Ho chiesto loro di fare di più e tutti hanno fatto di più".

La due giorni di Stoccarda segue l'incontro della scorsa settimana con i paesi del Golfo, definiti da Carter come "importanti partner" nella lotta al terrorismo, per ridefinire un maggiore intervento nei teatri di scontri dove è presente il fenomeno jihadista: Siria e Iraq in primis.

D'altra parte i Paesi che hanno aderito all'Alleanza hanno spiegato in un comunicato congiunto, che la difficoltà principale nel piano globale anti-terrorismo è di natura economica per via "delle ingenti richieste di fondi necessari". Infatti la Coalizione, che comprende sessanta Paesi, ha condotto contro il Daesh ben 12mila raid aerei tra Siria e Iraq dall'inizio delle operazioni (settembre 2014) sino a oggi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала