Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

“La rimozione dei monumenti sovietici è un test sui rapporti tra Russia e Polonia”

© AP Photo / Alik KepliczPolonia
Polonia - Sputnik Italia
Seguici su
La questione della demolizione dei monumenti sovietici in Polonia potrebbe fungere da prova sulla solidità dei rapporti tra i due Stati e popoli, ha riferito ai giornalisti l'ambasciatore della Russia in Polonia Sergey Andreyev.

In precedenza era stato riferito che il presidente dell'Istituto di Memoria Nazionale in Polonia Lukasz Kaminski aveva rivelato i piani per la demolizione o il trasferimento di oltre 500 monumenti militari sovietici. Si riferiva ai monumenti che si trovano nei luoghi pubblici. Tuttavia si prevede che non saranno distrutti i memoriali, in cui si trovano i resti dei soldati sovietici caduti: il governo polacco intende continuare a proteggere queste opere.

"Ci auguriamo che questa campagna non venga implementata e supportata dalla popolazione polacca. Sarà un momento cruciale, che testerà la solidità dei rapporti tra gli Stati, ma soprattutto tra i popoli. I nostri partner polacchi devono capire che per noi è una questione esclusivamente di sensibilità, se qualcosa del genere accadrà, non sarà lasciata senza conseguenze", — ha detto Andreyev.

L'ambasciatore ha tuttavia osservato che l'iniziativa dell'Instituto di Memoria Nazionale, che si occupa delle questioni storico-politiche, secondo i sondaggi non è sostenuta dalla maggior parte dei polacchi.

Secondo il diplomatico, attualmente è in vigore un accordo intergovernativo dal 1994 sulle tombe e sui memoriali delle vittime della guerra e della repressione.

In base a questo documento, i monumenti devono essere protetti e monitorati e devono essere mantenuti in buone condizioni.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала