Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

In Moldova spirano venti di guerra civile

© AP Photo / Vadim GhirdaManifestazione europeista in Moldavia
Manifestazione europeista in Moldavia - Sputnik Italia
Seguici su
Le manifestazioni popolari sono divenute quasi un picchetto permanente, in seguito alla fiducia conferita dal parlamento moldavo al governo guidato dall'esponente del Partito democratico, Pavel Filip, vicino alle politiche europee.

Manifestazione a Chisinau - Sputnik Italia
In Moldavia opposizione di nuovo in piazza
Esplode la protesta in Moldova. Nella capitale Chisinau manifestanti si sono riuniti davanti al parlamento per chiedere le dimissioni del governo ed elezioni anticipate. Alla manifestazione hanno partecipato sostenitori della Piattaforma civica Dignita' e verita', del Partito liberaldemocratico (Pldm) e del Partito azione e solidarieta' (Pas), che si oppongono al nuovo vento di cambiamento che vedrebbe l'avvicinarsi della Moldavia alle politiche di Bruxelles, a discapito di Mosca. Circa mille manifestanti si sono diretti verso un edificio di proprietà di Vladimir Plahotniuc, uomo d'affari e politico contestato dalla piazza. Al blocco della strada deciso dalle forze dell'ordine sono seguiti scontri che hanno generato il ferimento di un poliziotto.

Le manifestazioni popolari sono divenute quasi un picchetto permanente, in seguito alla fiducia conferita dal parlamento moldavo al governo guidato dall'esponente del Partito democratico, Pavel Filip, uomo vicino alle politiche europee. Per respingere quest'ondata di sdegno è stata usata più d'una volta la forza che però non sembra bastare a bloccare i manifestanti.

E mentre Washington e Nato sostengono l'avvicinamento della Moldova all'Europa, la Romania, in seguito alla visita di Victoria Nuland, vice segretario di Stato degli Usa, ha approvato un prestito di 150 milioni di euro a Chisinau. La Moldova è dunque un altro tassello delle politiche occidentali che, anche grazie alle sanzioni, mirano ad accerchiare la Russia, ora ancora più forte grazie alla vittoria sul Daesh in Siria.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала