Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il futuro energetico dell'Ue passa per la Romania, oggi vertice Canete-Ciolos a Bucarest

© AP Photo / Virginia MayoIl commissario europeo per clima e energia Miguel Arias Canete
Il commissario europeo per clima e energia Miguel Arias Canete - Sputnik Italia
Seguici su
Al centro degli incontri tra il commissario europeo per il Clima e l'Energia e i rappresentanti dell'Esecutivo rumeno ci sarà il presente e, soprattutto, il futuro della gestione economica e logistica della rete energetica nazionale all'interno delle iniziative promosse da Bruxelles per il miglioramento dell'efficienza ambientale.

Il futuro energetico dell'Unione Europea passa per due strade: da una parte dalla crescita del contributo proveniente dalle rinnovabili; dall'altra dalla gestione più accorta delle reti dell'Europa orientale.

Queste, in estrema sintesi, sono le linee guida tracciate dagli eurocrati di Bruxelles e relative al futuro degli approvvigionamenti energetici dell'Unione e alla gestione del risorse già esistenti. Dopo l'ingresso dei paesi provenienti dall'ex Cortina di Ferro nell'Ue, la sfida di Bruxelles appare proprio quella di rendere queste realtà il più possibile stabili e indipendenti dall'andamento di fattori esogeni difficili da gestire e, al contempo, dall'abbattimento degli sprechi enormi che hanno caratterizzano quelle realtà per troppo tempo, andando ad intaccare profondamente le possibilità di crescita e sviluppo di queste nazioni nel contesto europeo.

La vista del commissario Miguel Arias Canete, dunque, va inserita nel più ampio quadro d'interventi che l'Unione Europea sta effettuando in tutta l'area orientale per migliorare la gestione delle reti energetiche dei singoli paesi e rendere di conseguenza più solida l'intera struttura europea.

Centrale nucleare - Sputnik Italia
Sostituzione o dismissione? Problemi e prospettive dell'energia nucleare nella UE
Per queste motivazioni Canete incontrerà Dacian Ciolos, primo ministro rumeno, e i ministri Victor Vlad Grigorescu e Cristiana Pasca Palmer (rispettivamente titolari del dicastero dell'Energia e dell'Ambiente). E se con il premier Ciolos l'incontro verterà prevalentemente sugli obiettivi di massima della Romania, con il ministro Grigorescu il focus della riunione riguarderà l'efficienza energetica e le infrastrutture energetiche (con particolare attenzione al settore del gas) nazionali e la loro gestione. Con il ministro Pasca Palmer, invece, Canete discuterà dell'applicazione dell'accordo di Parigi sul clima da parte delle singole realtà.

Secondo quanto reso noto da Bruxelles, infine, durante i colloqui bilaterali tra i rappresentati del governo rumeno e il commissario Ue verrà trattato anche il tema relativo alla riduzione delle emissioni dei gas che provocano l'effetto serra, in vista soprattutto dell'obiettivo dell'Ue di diminuire le emissioni nocive del 40 per cento entro il 2030.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала