Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Trivelle nel Mar Nero, prosegue la caccia al gas rumeno nel perimetro denominato Trident

© Mikhail Beznosov / Vai alla galleria fotograficaLUKOIL
LUKOIL - Sputnik Italia
Seguici su
Nelle scorse ore i vertici delle compagnie Romgaz e Lukoil (aziende rispettivamente di Romania e Russia), hanno confermato la prosecuzione dell'opera esplorativa in corso da alcuni mesi nel territorio di Bucarest. Secondo la prima valutazione l'area ospiterebbe circa 32 miliardi di metri cubi di gas.

La collaborazione tra Bucarest e Mosca sul versante energetico sembra sempre più salda. Questo, in sintesi, è quanto emerge dall'incontro tenutosi nelle scorse ore in Romania tra Victor Grigorescu, ministro dell'Energia rumeno, e Vladimir Nekrasov, vicepresidente del colosso russo Lukoil.

Gazprom - Sputnik Italia
Gas, Gazprom: Nodo finanziamenti per il Nord Stream 2 risolto entro il 2017
Al termine del colloquio il rappresentante dell'Esecutivo rumeno ha informato l'intenzione da parte della società di Mosca di voler proseguire nell'opera di esplorazione del perimetro denominato Trident. Ieri i due rappresentanti hanno discusso del futuro dell'accordo, analizzando in dettaglio gli aspetti tecnici, logistici e organizzativi relativi all'estrazione di gas, alle norme e agli investimenti atti a salvaguardare l'eco sistema e alle possibilità di sviluppo dell'impianto di Ploiesti — di proprietà della Lukoil, —specializzato nella raffinazione del gas.

Uno dei punti centrali affrontati durante i colloqui ha riguardato anche la prosecuzione delle attività esplorative (secondo quanto reso noto saranno sia di tipo sismico sia perforative attraverso sonde di prospezione), all'interno del consorzio che vede presenti anche le società Romgaz e la statunitense PanAtlantic. Secondo le prime valutazioni fornite dai tecnici a lavoro nelle acque rumene, le riserve di gas individuate nel perimetro Trident sarebbero pari a circa 32 miliardi di metri cubi, equivalenti a circa tre volte il consumo annuo di gas di Bucarest. A lavoro sono le società Lukoil Overseas Atash Bv, Romgaz e PanAtlantic Petroleum. Al momento la parte del leone è ricoperta dalla Lukoil che detiene il 72 per cento delle quote di partecipazione del contratto di concessione, mentre la PanAtlantic ne detiene il 18 per cento e la Romgaz il 10.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала