Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

“La campagna militare russa in Siria ha inferto un duro colpo al settore energetico turco”

Seguici su
Il buon esito dell'operazione russa in Siria è stato accolto con favore da molti Paesi, ma non non ha fatto sorridere la Turchia, per cui questo sviluppo degli eventi crea nuove sfide.

Le sanzioni di Mosca hanno portato molti problemi ad Ankara, ma ancor maggiori difficoltà la Turchia le vivrà per il buon esito dell'operazione militare russa in Siria, che ha distrutto tutte le prospettive del settore energetico turco, scrive "Oilprice".

Dopo il conflitto con la Russia la situazione dell'economia turca è diventata poco invidiabile. Dal 2002 la Turchia dipende fortemente dal gas e dal petrolio russo. Allo stesso tempo la Turchia è un po' preoccupata per il fatto che le sue relazioni nel settore energetico con gli altri Paesi sono poco sviluppate, si osserva nell'articolo.

Nella speranza di ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia, la Turchia aveva firmato un accordo sulle forniture di gas dal Qatar. Per questo accordo Ankara si è presa un grande rischio, perché il gasdotto tra i due Paesi sarebbe dovuto passare attraverso la Siria, l'Iraq e il territorio curdo.

La Turchia spera che Damasco e i curdi escano sconfitti nel conflitto siriano e che l'equilibrio delle forze nella regione cambi. Allo stesso tempo per raggiungere i propri obiettivi Ankara non si è tirata indietro dal rafforzamento dei legami con i gruppi terroristici radicali, compreso il Daesh, scrive il portale.

Tuttavia dopo la conclusione positiva dell'operazione russa in Siria i jihadisti subiscono una sconfitta dopo l'altra, mentre gli avversari di Ankara rafforzano sempre più le loro posizioni. La Russia ha mandato in fumo i piani già fragili che la Turchia aveva ideato per l'energia, ritiene l'autore di questo articolo.

"L'operazione militare russa e il rafforzamento del regime di Assad mette fine al progetto di realizzare un gasdotto tra la Turchia e il Qatar," — conclude l'articolo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала