Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Migranti, Mattarella in Etiopia: Il populismo rimane minoritario

© Fotobank.ru/Getty Images / HandoutMattarella Sergio
Mattarella Sergio - Sputnik Italia
Seguici su
Il capo dello Stato italiano in visita ufficiale ad Addis Abeba commenta l'avanzata dei movimenti xenofobi in Europa, confermata anche nelle recenti regionali tedesche.

Il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella è in visita ufficiale in Etiopia, dove ieri è stato ricevuto dal presidente Mulatu Teshome. Al termine della prima giornata del viaggio che lo vedrà ospite nel Corno d'Africa fino a giovedì prossimo, Mattarella ha parlato all'Istituto italiano di cultura della capitale Addis Abeba.

Commentando l'avanzata dei movimenti politici xenofobi e la progressiva chiusura delle frontiere di molti Stati europei, il capo dello Stato italiano ha sottolineato i differenti approcci di Paesi come l'Italia e l'Etiopia, definendo ancora minoritari i fenomeni populisti nel vecchio continente.

"I principi a cui si ispira l'Etiopia nella politica internazionale coincidono con quelli a cui si ispira l'Italia: lotta al terrorismo, affrontare in maniera responsabile fenomeno migratorio, promuovere sviluppo e pacificazione".

Rifugiati nel mar Egeo - Sputnik Italia
Bastonate contro i migranti, la guardia costiera turca affonda le carrette dei mari
Così Mattarella a proposito del ruolo di pacificazione svolto dall'Etiopia nel Corno d'Africa, con l'accoglienza fornita a 800mila rifugiati nonostante le condizioni rese difficili dalla grande siccità. Il presidente italiano, che ha confermato per i prossimi giorni la visita ad uno dei campi profughi, dove l'Italia è presente grazie a progetti di cooperazione in materia di istruzione e approvvigionamento idrico, ha poi risposto ad una domanda sui recenti risultati nei tre Lander tedeschi in cui si è votato alle elezioni regionali tedesche.

"Io rispetto, nel mio come negli altri Paesi, qualunque posizione. Naturalmente — ha ammonito Mattarella — occorre evitare di semplificare. Queste posizioni non sono maggioritarie, non lo sono state neppure in Germania. Quindi occorre tenere conto di questi orientamenti, ma senza semplificare e cadere nell'errore di ritenere che queste posizioni di rifiuto interpretano l'Europa perché non sono maggioritarie. Io — ha infine precisato — non intendo fare richiami a nessuno. Occorre che l'Europa si renda conto di non essere il centro del mondo".

Mattarella e la delegazione italiana si trasferiranno da giovedì prossimo sull'altra sponda del continente africano, in Camerun, dove è in agenda la visita ufficiale con il presidente Paul Biya, prima del rientro in Italia previsto per il 20 marzo. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала