Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Europa spaccata sul proseguimento delle sanzioni economiche contro la Russia

© Sputnik . Vladimir Sergeev / Vai alla galleria fotograficaBandiere di Russia e UE
Bandiere di Russia e UE - Sputnik Italia
Seguici su
La decisione di estendere le sanzioni economiche contro la Russia potrebbe non essere così semplice come con le sanzioni individuali, scrive il “Wall Street Journal”. Alcuni governi dei Paesi della UE vorrebbero rivedere le misure economiche contro la Russia.

La decisione della UE sulla proroga delle sanzioni economiche contro la Russia potrebbe non essere così semplice come per le sanzioni individuali, scrive il "Wall Street Journal".

"Dato che il livello di violenza nella parte orientale dell'Ucraina è leggermente diminuito e il governo di Kiev è afflitto da problemi al suo interno, alcuni governi dei Paesi della UE hanno dichiarato che vorrebbero riconsiderare le sanzioni economiche", — scrive il giornale.

E' stato riferito che questo mese i ministri degli Esteri europei discuteranno le relazioni con Mosca.

Nel settembre 2015 l'Unione Europea aveva esteso fino al 15 marzo 2016 le sanzioni individuali contro le persone considerate una "minaccia per l'integrità territoriale e l'indipendenza dell'Ucraina".

Le misure contemplano il congelamento dei beni e il divieto di ingresso nella UE contro 149 persone e 37 società, compresi imprenditori e funzionari russi, nonché i rappresentanti delle autorità delle autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk.

Oltre alle sanzioni individuali, la UE ha introdotto misure restrittive settoriali contro l'economia russa, le cosiddette sanzioni economiche, che resteranno in vigore fino al 31 luglio 2016, così come le sanzioni contro la Crimea in scadenza il 23 giugno 2016.

In precedenza era stato riferito che Bruxelles era disposta a prorogare di 6 mesi le sanzioni individuali contro le persone fisiche e giuridiche ucraine e russe, in scadenza il 15 marzo, ma la decisione finale era ancora in sospeso. Inoltre è stata osservata l'improbabilità del cambio dei nomi della lista delle sanzioni individuali.

Il rappresentante di Mosca presso la UE Vladimir Chizhov ha sottolineato che le decisioni relative alle sanzioni economiche saranno prese al vertice della UE del 23 e 24 giugno.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала