Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Washington Post: è escluso uno scenario favorevole per la Turchia

© AP Photo / Yasin Bulbul, Presidential Press Service, PoolErdogan
Erdogan - Sputnik Italia
Seguici su
Il presidente turco Recep Erdogan è riuscito a creare tanti problemi per il suo paese sullo sfondo della crisi siriana, e ora la loro risoluzione sembra estremamente difficile, se non addirittura impossibile.

Per la Turchia è iniziato un vero e proprio «incubo strategico»: le sue città sono attaccate dai terroristi, alle frontiere c'è molta tensione, e gli alleati ignorato le sue richieste, scrive Washington Post.

Quattro anni fa, la Turchia si preparava a diventare uno dei principali vincitori della primavera araba, gli USA la consideravano un esempio, e nella regione la consideravano un leader. Ma tutto è cambiato dopo che le proteste arabe sono fallito, e il paesaggio geopolitico ed il corso della guerra siriana sono cambiati. Ora la Russia sta espandendo la propria presenza lungo il confine con la Turchia in Siria e Armenia, i terroristi, provenienti dalla Siria, seminano terrore tra i cittadini turchi, l'economia è in depressione, ed è scoppiato lo scontro con i curdi all'interno del paese.

«La Turchia si è imbattuta in una catastrofe multilaterale. Questo è un paese che ha spesso avuto problemi in passato, ma l'entità di ciò che sta accadendo in questo momento supera la capacità della Turchia di far fronte [alle difficoltà]», il quotidiano cita il professore di relazioni internazionali presso l'Università di Ipek (Ankara) Gokhan Batsika.

Questa settimana Ankara non è riuscita ad ottenere il sostegno incondizionato del suo principale e più importante alleato,gli Stati Uniti, nel confronto con i curdi siriani. Così « si è trovata completamente isolato e smarrita in un labirinto di problemi, dei quali è in parte responsabile», il WP cita l'opinione del professore di relazioni internazionali della International University Kadir Has (Istanbul) Soli Ozel.

La Turchia «ha rovinato i rapporti con tutti, che ora non può convincere nessuno a fare (per lei) qualsiasi cosa. Questo è un paese che non ha più peso. Finge e non soddisfa le promesse. Non può proteggere i suoi interessi principali, e trovarsi in conflitto con tutti, perfino con i suoi alleati. Per lo stato, che fino a poco tempo è stato visto come una importante potenza regionale, fatti del genere sono disastrosi» osserva Soli Ozel, citato dalla pubblicazione.

Ora il presidente turco Recep Tayyip Erdogan continua a minacciare l'inizio delle operazioni militari in Siria, nonostante il fatto che né i cittadini né i militari non lo sostengono per tale questione. Inoltre, non può ottenere il sostegno neppure dagli Stati Uniti, che temono che la Turchia possa provocare un conflitto con la Russia, e non la sostengono nel bombardamento dei curdi siriani, che combattono efficacemente contro il Daesh. Così, Erdogan spinge il suo paese in un vicolo cieco.

Il presidente turco chiaramente sovrastimato la loro forza sulla scena internazionale e non ha preso in considerazione l'effetto di tutti i fattori sulla sua strategia in Siria, secondo l'articolo.

«Erdogan non ha saputo controllare la politica estera a causa della sua arroganza. Era troppo sicuro nel 2010 che la Turchia fosse un favorito universale che ciò gli ha dato alla testa. Ci sono problemi che non sono opera sua, ma per il modo in cui li tratta, risponde proprio lui» è il parere dell'esperto di Turchia presso il Centro Wilson di Washington Henry Baker, citato dalla pubblicazione.

Secondo il professor Gokhan Batsika, non si può dire che la Turchia ha perso il senno e che entrerà ad ogni costo in guerra, ma è chiaro che la politica di Ankara è «molto strana e può riservare sorprese».

«Quello che sta succedendo in Siria è una questione di sopravvivenza per Erdogan per cui nulla può essere escluso. Per la Turchia da questo momento non può esserci uno scenario favorevole» conclude Gokhan Batsika.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала