Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Allarme Zika, OMS riunito a Ginevra

© REUTERS / Ivan AlvaradoA banner is seen during an information campaign on Zika virus by the Chilean Health Ministry at the departures area of Santiago's international airport, Chile, January 28, 2016
A banner is seen during an information campaign on Zika virus by the Chilean Health Ministry at the departures area of Santiago's international airport, Chile, January 28, 2016 - Sputnik Italia
Seguici su
Vertice d'urgenza dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per decidere se si debba parlare di crisi sanitaria a livello globale. Esperti UK: potenzialmente più pericoloso del virus Ebola.

E' riunito oggi a Ginevra il direttivo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo i recenti allarmi dal Sud America sull'anomala diffusione del virus Zika in diverse regioni del Brasile, e che ha già fatto la sua comparsa in una ventina di Paesi dell'emisfero occidentale. Diversi esperti si sono detti convinti in queste ore che il rischio che l'epidemia si diffonda rapidamente è più concreto che mai, aggiungendo che rappresenta una minaccia potenzialmente più pericolosa dell'epidemia di Ebola, che in Africa ha provocato finora oltre 11mila vittime.

La totale assenza di sintomi per la maggior parte di chi viene punto da una zanzara portatrice dell'Aedes aegypti, questo il nome del parassita che trasmette il virus Zika, rende difficile prevedere la sua possibile diffusione a livello geografico, rendendo la minaccia potenzialmente globale. Al momento poi, non esiste un vaccino in grado di aggredire efficacemente il virus e la stessa sperimentazione, che dovrebbe avvenire su donne incinte, pone quesiti etici oltre che pratici di complicata risoluzione.

Il virus Zika, che aveva fatto la sua prima comparsa attorno al 1950 in Uganda, nella zona di foreste di Zika da cui prende appunto la sua denominazione, è ricomparso da circa un anno in diverse regioni del Brasile. Pur non essendo letale, molti studi hanno messo in relazione la presenza del virus con l'impennata di malformazioni neonatali registrate nel Paese negli ultimi dodici mesi.  

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала