Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Orlando: Reato di immigrazione clandestina va abolito

© Foto : Palazzo ChigiIl ministro della Giustizia, Andrea Orlando.
Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando. - Sputnik Italia
Seguici su
Il ministro della Giustizia italiano ribadisce l'intenzione del governo: superare il reato di clandestinità, riformando norme su rimpatri e status di rifugiato.

Nel cuore dell'Europa scossa dai fatti di Colonia, il governo italiano ribadisce la sua intenzione di abolire il reato di immigrazione clandestina. Dopo il parziale stop da parte del presidente del Consiglio, che intervistato dal Tg1 domenica sera aveva rimandato l'analisi del progetto di riforma ad un successivo Consiglio dei ministri, è stato questa mattina il ministro per la Giustizia Andrea Orlando a confermare la volontà di palazzo Chigi di superare l'attuale testo di legge.

Il Guardasigilli italiano, che ha definito il reato di clandestinità un "simulacro" e non un vero problema, ha precisato che a causa del cattivo funzionamento dell'attuale legge, il meccanismo del rimpatrio è molto spesso intralciato proprio dalle circostanze generate dalla violazione della legge sull'immigrazione clandestina.

"La sua abolizione — ha chiarito il ministro — si può mettere dentro un pacchetto dove sia chiaro che il meccanismo delle espulsioni e dei rimpatri non si tocca".

Domenica scorsa ad unirsi al coro di voci che invoca l'abolizione del reato di clandestinità era stato il capo della Polizia Alessandro Pansa, secondo cui "così com'è, intasa le Procure" Resta contrario al cambiamento il ministro degli Interni Angelino Alfano che, pur condividendo le obiezioni tecniche offerte dagli ambienti investigativi e giudiziari sull'attuale norma, ha parlato di momento non opportuno. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала