Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Teheran: “Roma ci aiuti a facilitare le relazioni nella regione Medio Orientale”

Seguici su
Relazioni con l’Italia rafforzate nella fase di attuazione dell’accordo di luglio. Tensioni con l’Arabia Saudita.

"L'Italia ha una visione più vicina alla realtà" rispetto alle "politiche illusorie" di altri Paesi e dunque, nel nuovo clima creato dall'accordo sul nucleare, "ci attendiamo aiuti a facilitare gli accordi tra le parti coinvolte, per una soluzione immediata dell'attuale situazione in Siria".

Così ha detto Hossein Jaber Ansari, portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, in una conferenza stampa.

Ansari ha anche sottolineato che, in questi ultimi anni di difficili rapporti con l'Occidente, l'Italia ha seguito una propria linea nelle relazioni con Teheran, che saranno conseguentemente rafforzate nella fase di attuazione dell'accordo di luglio.

Situazione diversa nei rapporti con l'Arabia Saudita, storico avversario nella regione medio orientale del governo persiano.

L'Iran, potenza regionale sciita, e l'Arabia Saudita sunnita hanno posizioni contrapposte innanzitutto su Siria, Iraq e Yemen, divergenze che pesano sul quadro regionale e sui tentativi internazionali di arrivare a soluzioni concordate. Teheran, che sostiene Bashar Al-Assad, mostra cautela verso la coalizione islamica contro Daesh annunciata dai sauditi:

"La loro azione (dei sauditi, ndr.) deve essere conforme a quello che dicono e non deve avere due pesi e due misure. Qualsiasi azione contro il terrorismo deve avvenire nel rispetto dell'integrità territoriale e della sovranità nazionale dei Paesi coinvolti".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала