Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Brasile, si apre l’impeachment contro la presidente Dilma Rousseff

© REUTERS / Ueslei MarcelinoDilma Rousseff, il presidente del Brasile
Dilma Rousseff, il presidente del Brasile - Sputnik Italia
Seguici su
In un Paese diviso, scoppiano le manifestazioni di piazza. “Chi vuole l’impeachment - ha affermato Dilma - sta "inventando motivi" per cercare di arrivare al potere attaccando l'elezione diretta".

La procedura d'impeachment contro la presidente del Brasile, Dilma Rousseff,  avviata il 2 dicembre scorso, scoppia come una bomba nel Paese sudamericano già diviso da mesi tra opposizione e forze di governo. C'è chi parla di "vendetta" mentre l'opposizione saluta l'impeachment come momento di partenza per punire la Rousseff, che sarebbe rea di violazione della legge di responsabilità fiscale per finanziare i suoi programmi elettorali.

Brasile, manifestazione a San Paolo contro presidente Dilma Rousseff - Sputnik Italia
Brasile, migliaia di persone alle manifestazioni contro la presidente Dilma Rousseff
Al grido di "non ci sarà golpe", circa 55 mila persone, secondo l'istituto Datafolha, sono scese in strada, ieri sera a San Paolo, in segno di protesta. La mobilitazione nella più grande città del Paese, organizzata da movimenti sociali, sindacati e partiti di sinistra, ha portato in piazza più gente di quanta, domenica scorsa, ha manifestato nella stessa megalopoli a favore della messa in stato di accusa della Rousseff. Ma la protesta di domenica si è diffusa in altre 87 città del Paese, in alcune delle quali i manifestanti hanno incendiato caricature plastificate della Roussef e dell'ex Presidente Lula per simbolizzare la morte del PT, il Partito dei Lavoratori, cui entrambi appartengono.

Intanto ieri, a Brasilia, il capo di Stato è tornata a difendere il proprio mandato: chi vuole l'impeachment — ha affermato Dilma — sta "inventando motivi" per "cercare di arrivare al potere attaccando l'elezione diretta".

Secondo molti analisti esperti dell'America Latina, la pressione delle forze pro americane e contrarie a una linea indipendente dell'America latina sta diventando sempre più rilevante. Dopo l'Argentina e il Venezuela, è la volta del Brasile.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала