Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lo Yemen a un passo dalla carestia tra bombe e uragano

© AP Photo / Khaled AbdullahDopo un attacco in Yemen
Dopo un attacco in Yemen - Sputnik Italia
Seguici su
L'uragano Chapala provoca feriti e inondazioni, mentre i raid della coalizione a guida saudita, nonostante le perdite, non si fermano.

Salman bin Abdulaziz Al Saud, Re Arabia Saudita - Sputnik Italia
L’Arabia Saudita non si ferma, è strage in Yemen
Nonostante l'Arabia Saudita stia procedendo verso la sconfitta nello Yemen, un vicino che aveva invaso ufficialmente per sostenere un presidente in fuga, in realtà per sfruttare assieme a Israele il petrolio del Rub' al-Khali, secondo a cronaca che fa nei dettagli Thierry Meyssan, i caccia della coalizione impegnata nella penisola araba hanno intensificato i raid aerei sulle postazioni degli Houthi a Taiz. Solo ieri si sono contate 38 vittime tra i civili, rimasti colpiti dai bombardamenti, mentre l'emittente televisiva al Jazeera manda in onda le immagini del primo contingente delle truppe di terra giunte con  mezzi blindati nella cittadina devastata dalla guerra.  

Proprio a Taiz l'impossibilità di accesso umanitario ha privato decine di migliaia di persone dell'assistenza alimentare per più di un mese. Secondo il programma di assistenza alimentare dell'Onu, Taiz e altri nove dei 22 governatorati dello Yemen sono a un passo dalla carestia su una scala internazionale da uno a cinque. Ben 7,6 milioni di persone soffrono l'insicurezza alimentare estrema, sebbene Taiz sia l'aerea più gravemente colpita dalla guerra, con l'aumento del prezzo del diesel del 500% e il raddoppio del prezzo della farina di frumento.

Ma le bombe non bastano. Anche la natura si scaglia contro questo povero Paese e l'uragano Chapala colpisce il sud della penisola portando inondazioni e straripamenti. Nella notte i venti, che hanno soffiato a oltre 180 km/h, hanno spazzato le coste e sollevato forti onde che si sono abbattute sulle regioni di Hadramawt, Chabwa e al Mahra. Per il momento non è ancora reperibile un bilancio dei danni e delle eventuali vittime. A Socotra, l'isola situata nel golfo di Aden e divenuta patrimonio dell'Unesco nel 2008, i feriti in seguito al passaggio del ciclone sono almeno 200.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала