Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mosca accusa Kiev di non voler compromessi sul debito e critica FMI

© Sputnik . Vladimir FedorenkoIl ministro del tesoro russo Anton Siluanov
Il ministro del tesoro russo Anton Siluanov - Sputnik Italia
Seguici su
La Russia teme che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) preveda di rinunciare alla prassi di lunga data di non concedere prestiti ai Paesi che hanno pagamenti arretrati di fronte ai creditori ufficiali nell'ambito di "un contesto molto politicizzato" sulla ristrutturazione del debito ucraino.

Lo ha dichiarato oggi l'ufficio stampa del ministero delle Finanze, riferendosi alle parole del ministro Anton Siluanov.

Il ministero delle Finanze insiste sul fatto che l'Ucraina non abbia condotto negoziati costruttivi sulla ristrutturazione del debito ed abbia respinto qualsiasi alternativa, tranne quella di riconoscere il credito russo come privato.

Ieri il Fondo Monetario Internazionale aveva esortato la Russia e l'Ucraina a discutere la ristrutturazione del debito di Kiev di 3 miliardi di dollari ed aveva fatto sapere di discutere le riforme che permetteranno di continuare a sostenere finanziariamente Kiev anche se avrà pagamenti non saldati o sarà in default.

Nel dicembre 2013, come concordato tra il presidente Vladimir Putin e il presidente ucraino Viktor Yanukovich, in seguito fuggito in Russia dopo la rivoluzione di Maidan, Mosca aveva sottoscritto gli eurobond ucraini per 3 miliardi $ con scadenza a 2 anni. Il Cremlino insiste sul fatto che il debito sia ufficialmente intergovernativo, pertanto non soggetto a ristrutturazione, e deve essere rimborsato il prossimo dicembre.

"Le richieste della Federazione Russa verso l'Ucraina riguardano un prestito ufficiale e in conformità con la prassi di lungo termine del FMI il credito dovrebbe avere uno status privilegiato rispetto ai creditori privati. Fatta eccezione delle richieste russe, nesssun obbligo davanti ai creditori ufficiali non è stato incluso nel programma di ristrutturazione del debito dell'Ucraina", — ritiene il ministro delle Finanze.

"La Russia non vuole che l'Ucraina sia lasciata senza sostegno finanziario in una situazione difficile. Tuttavia siamo preoccupati che i cambiamenti nella governance del FMI siano forzati in un contesto molto politicizzato relativo alla ristrutturazione del debito ucraino," — si legge nel comunicato.

"La nuova direttiva del FMI prevede che il Fondo possa prestare ad un Paese con pagamenti arretrati nei confronti di creditori ufficiali, soltanto se lo Stato in questione abbia provato in buona fede a trovare un accordo con i suoi creditori ufficiali a prescindere dall'esito dei negoziati. Tuttavia l'Ucraina non ha trattato con la Russia. Inoltre Kiev ha rifiutato di considerare qualsiasi alternativa ad eccezione dell'equiparazione del prestito russo ad un credito privato," — ha detto Siluanov.

L'Ucraina insiste sul fatto di non estinguere il debito per intero alla Russia e non intende offrire a Mosca termini di pagamento più favorevoli a quelli che sono stati offerti ad altri istituti di credito durante la ristrutturazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала