Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Donald Trump: con Hussein e Gheddafi il mondo sarebbe migliore

© REUTERS / Mike StoneRepublican presidential candidate Donald Trump speaks at a rally in Dallas, Texas September 14, 2015
Republican presidential candidate Donald Trump speaks at a rally in Dallas, Texas September 14, 2015 - Sputnik Italia
Seguici su
Il miliardario americano Donald Trump, candidato alle prossime presidenziali, ha dichiarato che Hussein e Gheddafi non avrebbero permesso la nascita dei gruppi terroristici come lo “Stato islamico”

Donald Trump, miliardario e candidato alla presidenza degli USA, crede che senza i colpi di stato in Iraq e Libia la situazione in Medio Oriente oggi sarebbe stata di gran lunga migliore.

"Sono convinto al 100% che il mondo oggi sarebbe migliore, se Hussein e Gheddafi restassero al potere",

ha dichiarato Trump in un'intervista al canale CNN.

"Guardate all'Iraq, nel passato i terroristi non c'erano, Hussein li avrebbe schiacciato sul nascere. Oggi invece l'Iraq è diventato una specie di Harvard per terroristi. Non dico che Hussein era un bravo ragazzo, era un tizio ripugnante, ma adesso la situazione è molto più grave. Quanto alla Libia, nessuno capisce che cosa stia accadendo".

Donald Trump, miliardario statunitense - Sputnik Italia
Donald Trump: “I raid russi sono una cosa positiva”

Da quando in Iraq è stato rovesciato il regime di Saddam Hussein, la situazione in questo paese rimane instabile. Le cose sono ulteriormente peggiorate nel 2014, quando i terroristi ISIS hanno occupato vasti territori in Iraq e Siria..

In precedenza Trump aveva dichiarato che gli piace in modo in cui la Russia si sta comportando in Siria.

"Putin sta bombardando ISIS, perché vuole sbarazzarsene, non vuole che ISIS venga in Russia",

ha detto in particolare Trump, che in questo momento sta guidando la corsa presidenziale.

Il presidente iracheno Saddam Hussein, rimasto al potere dal 1979 al 2003, fu rovesciato in aprile 2003. La Corte Suprema dell'Iraq lo accusò di massacro di 148 contadini iracheni, condannandolo alla pena di morte. La condanna fu stata eseguita alla fine di dicembre 2006.

Il 27 giugno 2011, quando in Libia infuriava una guerra civile, la Corte penale internazionale spiccava un mandato di arresto nei confronti di Muammar Gheddafi, accudsandolo di omicidi, arresti illegali e detenzione illegale di persone. Gheddafi venne assassinato il 20 ottobre 2011, durante l'assedio di Sirte da parte delle forze del Consiglio nazionale di transizionale.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала