Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Afghanistan, talebani si ritirano da Kunduz

© AP Photo / Médecins Sans FrontièresOspedale di Kunduz di Medici Senza Frontiere dopo bombardamento USA
Ospedale di Kunduz di Medici Senza Frontiere dopo bombardamento USA - Sputnik Italia
Seguici su
La città conquistata lo scorso 29 settembre è tornata completamente sotto il controllo delle forze governative afghane.

Dopo due settimane di assedio i talebani si ritirano ufficialmente da Kunduz, città a nord dell'Afghanistan conquistata lo scorso 29 settembre. Il movimento fondamentalista avrebbe completato il ritiro, secondo quanto riportato fonti militari al New York Times, nella giornata di ieri. I talebani hanno annunciato comunque un loro imminente ritorno in città in un messaggio apparso sul web su un sito a loro associato.

La presa della città da parte dei talebani era stata molto celebrata dalla galassia jihadista afghana in quanto ha rappresentato la prima vera vittoria militare da quando nel 2001 sono presenti nel Paese le forze dell'alleanza occidentale.

L'ospedale dei Medici senza frontiere in fiamme, Kunduz - Sputnik Italia
Medici Senza Frontiere chiede a Russia aiuto per inchiesta su crimine USA in Afghanistan
Già dopo i primissimi giorni successivi alla conquista di Kunduz, teatro tra le altre cose della tragica uccisione di 22 civili a causa del bombardamento americano di sette giorni fa sulle strutture di Medici Senza Frontiere, era stata parzialmente ripresa dalle forze governative, ma restavano ancora alcuni quartieri periferici occupati dai talebani. Ancora ieri, nel pieno delle manovre di ripiegamento, 4 attacchi jihadisti hanno preso di mira una zona considerata strategica della città come l'Hotel Pamir.

Adesso l'attenzione dell'esercito afghano e della coalizione internazionale si concentrano nel sud del Paese, principalmente attorno alla città di Ghazni, ma si temono attacchi anche nella provincia di Baghlan e nella città di Faisabad. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала