Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Economista Robert Scott: TPP giova soltanto alle multinazionali

© AP PhotoA placard during a rally against the Trans-Pacific Partnership (TPP)
A placard during a rally against the Trans-Pacific Partnership (TPP) - Sputnik Italia
Seguici su
Secondo Robert Scott, direttore dell’Istituto americano di studi politici ed economici (EPI), l’accordo sul Partenariato Trans-Pacifico (TPP) gioverà alle multinazionali e non ai semplici cittadini degli USA.

Nella sua intervista all'agenzia RIA Novosti, rilasciata attraverso l'ufficio stampa dell'Istituto, Robert Scott ha dichiarato in particolare:

"TPP è un documento per la gestione del commercio e degli investimenti in nome delle grandi multinazionali. Avrà un impatto sullo stipendio dei lavoratori americani".

L'estensione degli effetti delle leggi americane sui diritti d'autore e sui brevetti porterà a un brusco aumento dei prezzi delle medicine nel resto dell'area TPP, limitando l'accesso dei cittadini con redditi bassi a farmaci di vitale importanza.

Secondo l'esperto, l'accordo porterà allo spostamento delle produzioni dai paesi del partenariato verso Stati che non fanno parte del perimetro, creando così una "porta di servizio" per dumping da parte dei paesi come Vietnam, Malesia e Cina.

"Stati Uniti potrebbero raggiungere accordo per un partenariato più efficiente per evitare manipolazioni valutarie, ridurre l'emissione dei gas serra e promuovere uno sviluppo finanziario concordato. Invece optano per la corsa di sopravvivenza con nuove norme internazionali che gioveranno in primo luogo alle multinazionali che aumentano i loro profitti a scapito degli operai e dei consumatori degli USA e di altri paesi TPP", — riassume Robert Scott.

L'accordo che dà il via libera al Partenariato Trans-Pacifico è stato sottoscritto lunedì. Sulla base del documento sarà creata un'area di libero scambio nella regione di Asia-Pacifico. Attualmente i paesi di Asia-Pacifico compongono il 40% dell'economia mondiale e assicurano un terzo del commercio internazionale. All'accordo partecipano USA, Canada, Messico, Peru, Cile, Giappone, Malesia, Brunei, Singapore, Vietnam, Australia e Nuova Zelanda.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала