Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Iran e Cina chiedono soluzioni politiche per Yemen e Siria

© AFP 2021 / ATTA KENARE Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif
Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif - Sputnik Italia
Seguici su
Il ministro degli Esteri iraniano in visita ufficiale in Cina. Teheran pronta ad aumentare il numero d'imprese cinesi presenti sul territorio iraniano.

Energia, Iran pronto a diventare il maggior fornitore europeo di gas entro il 2030
L'Iran chiede alla Cina un aiuto per risolvere le tensioni e le crisi nella regione del Medio Oriente.

Il Paese è pronto ad aumentare il numero d'imprese cinesi presenti sul territorio una volta che le sanzioni internazionali verranno cancellate, secondo il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, in questi giorni in visita ufficiale in Cina.

Intervenendo a una conferenza stampa congiunta con l'omologo Wang Yi, il responsabile della diplomazia di Teheran ha sottolineato la visione comune dei due Paesi:

"Io e il ministro Wang Yi abbiamo opinioni simili sulle crisi in corso nella regione, che dovrebbero essere risolte in un modo politico. Vorremmo collaborare con la Cina su quanto sta accadendo in Yemen, Siria e nel resto del Medio Oriente".

Cina e Iran hanno stretti rapporti diplomatici, economici, commerciali ed energetici e insieme a Mosca Pechino è stato uno dei principali sponsor presso gli Usa dell'accordo sul programma nucleare iraniano. Durante l'embargo la Cina è divenuta il più importante cliente di petrolio iraniano e Zarif ha sottolineato che le due economie sono divenute complementari sia per quanto riguarda le sfide che la ricerca di nuove opportunità.

Nonostante il suo ruolo egemone nel panorama economico internazionale, Pechino è tradizionalmente un giocatore diplomatico di basso profilo nell'ambito mediorientale, preferendo all'interventismo militare soluzioni negoziate, come già avvenuto in questi anni per il caso della Libia e della Siria.

"Siamo entrambi d'accordo sul fatto che i disordini nelle regioni dell'Asia occidentale e Nord Africa non sono sostenibili", ha dichiarato Wang, sottolineando che dovrebbero essere risolte in un modo politico. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала