Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Occidente prepotente durante crollo Urss e necessita della cooperazione con la Russia"

© REUTERS / Fritz Reiss Bundesfinanzminister Wolfgang Schäuble
Bundesfinanzminister Wolfgang Schäuble - Sputnik Italia
Seguici su
Il comportamento dei Paesi occidentali nei riguardi della Russia dopo il crollo dell'Unione Sovietica "non può essere definito una pagina gloriosa nella storia", ha dichiarato il ministro delle Finanze della Germania Wolfgang Schauble; inoltre ha preso atto che la cooperazione con la Russia è necessaria per la soluzione dei problemi internazionali.

Il ministro delle Finanze della Germania Wolfgang Schaeuble ha affermato che l'Occidente ha bisogno della cooperazione con la Russia, per esempio come nei negoziati per il nucleare iraniano ed ha motivi fondati "per ripensare criticamente" al comportamento delle potenze occidentali dopo il crollo dell'Unione Sovietica.

In un'intervista pubblicata oggi sul quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung", il ministro delle Finanze Schaeuble ha detto che il comportamento dell'Occidente nei confronti della Russia durante il crollo dell'Unione Sovietica "non può essere definito una pagina gloriosa della storia".

"Quando la Russia era debole, l'Occidente non avrebbe dovuto sfruttare a pieno la propria forza. Nell'immaginario comune il più forte dever essere generoso verso i più deboli. L'Occidente ha motivo di rivedere criticamente il proprio comportamento," — ha detto il ministro.

Allo stesso tempo non si può affermare che i Paesi occidentali siano colpevoli per come la Russia si sia comportato nei confronti dell'Ucraina.

"Il cancelliere lo ripete sempre: non ritorneremo ai vecchi formati di comportamento degli Stati del XIX secolo. Non accetteremo il fatto che la Russia abbia violato unilaterlamente il diritto internazionale a danno dell'Ucraina," — ha affermato Schauble.

Secondo lui, "gli errori della Russia non possono giustificare gli errori commessi dall'Occidente." "Allo stesso tempo abbiamo bisogno della cooperazione con la Russia, come si è potuto osservare nei negoziati sul nucleare iraniano," — ha rilevato Schauble.

"Abbiamo introdotto le sanzioni ed abbiamo proposto la collaborazione. Non posso dire quanto tempo ci vorrà alla Russia per vedere che l'Occidente non rappresenta una minaccia e che la cooperazione con l'Occidente può dare solo vantaggi," — ha detto il ministro.

Inoltre "i sentimenti anti-occidentali e anti-americani" nella società russa, il ministro non li prende sul serio.

"E' in gran parte solo retorica e provocazione", — crede il politico.

In precedenza il governo ucraino, gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno più volte accusato Mosca di interferire negli affari interni dell'Ucraina. La Russia respinge le accuse ritenendole inaccettabili. Mosca ha più volte dichiarato di non essere coinvolta nel conflitto interno ucraino e di non essere implicata negli eventi nel Donbass, ma di essere interessata al fatto che l'Ucraina superi la crisi politica ed economica che l'affliggono.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала