Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Via libera ai rimborsi ai partiti, bagarre nel Parlamento italiano

Seguici su
La protesta del Movimento 5 Stelle dopo il blitz alla pria votazione alla Camera, con cui maggioranza e parte dell'opposizione hanno votato una legge per mantenere ancora per un altro anno il fondo per i rimborsi elettorali per i partiti.

Proteste alla Camera in Italia, dove esponenti del Movimento 5 Stelle hanno sventolato fac simile di banconote da 500 euro al grido "vergogna", dopo l'approvazione in prima lettura del disegno di legge che sblocca le rate 2013 e 2014 dei rimborsi elettorali per i partiti, pur in assenza di certificazione da parte della commissione di garanzia istituita dalla cosiddetta legge Letta.

Il disegno di legge in questione, a firma del deputato PD  Sergio Boccadutri, permetterà di far incassare alle tesorerie dei partiti oltre 45 milioni di euro, sbloccando una situazione di impasse venutasi a creare per le dimissioni della commissione chiamata a certificare i bilanci, avvenuta a luglio nell'impossibilità di verificare l'autenticità della documentazione presentata.

"Quella di mercoledì sarà ricordata come la giornata della vergogna. Con un colpo di mano i partiti hanno mandato a quel paese la certezza del diritto e si sono intascati un bottino da 45,5 milioni di euro in assenza di qualsiasi controllo sulla loro regolarità finanziaria e fiscale".

Questo un durissimo passaggio della nota diffusa questa mattina dal gruppo M5S alla Camera, che ha ricordato come siano l'unica forza presente in Parlamento ad avere rinunciato ai rimborsi elettorali. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала