Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Russia, le armi alla Siria per combattere lo Stato Islamico

© Sputnik . Viktor TolochkoIl ministero degli Esteri della Russia
Il ministero degli Esteri della Russia - Sputnik Italia
Seguici su
Inquietudini e dubbi Usa sugli aiuti militari e per il rafforzamento della presenza russa nell’area. Mosca: decisione “conforme al diritto internazionale” e finalizzata al “contrasto della minaccia terroristica”.

© Sputnik . Ekaterina Chesnokova / Vai alla galleria fotograficaMaria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo
Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo - Sputnik Italia
Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo
L'invio da parte di Mosca di armi per le forze di governo siriane è "in conformità con il diritto internazionale" perché finalizzato al "contrasto della minaccia terroristica", una minaccia che ha raggiunto una dimensione senza precedenti in Siria e nel vicino Iraq. Così ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, a proposito della recente mossa del governo di Mosca che ha dato la stura a tensioni e inquietudini a Washington e in occidente. Un nervosismo che scaturisce dal rafforzamento della presenza russa nell'area e, come hanno sottolineato diverse fonti americane, dalla scarsa chiarezza delle intenzioni di Mosca.

Stando a quanto affermato dalla portavoce del ministero degli Esteri, l'invio di armi e soldati russi potrebbe non finire qui. In caso dovessero rendersi necessarie "misure aggiuntive per aumentare il sostegno alla lotta anti terrorismo" — ha detto Maria Zakharova — Mosca farà "un'adeguata valutazione della questione", sulla base, in ogni caso, delle normative internazionali e delle leggi russe".

Lo stesso ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, aveva ribadito, durante una telefonata con il segretario di stato americano, John Kerry, la "necessità di respingere i gruppi terroristici che hanno occupato una considerevole parte della Siria e che stanno minacciando la sicurezza internazionale".

Secondo fonti tecnico-militari citate dal Kommersant, Mosca avrebbe inviato armi da fuoco, lanciagranate e veicoli blindati per il trasporto di personale militare, forniture comunque "in linea con le leggi internazionali e in linea con tutti gli atti formali e i contratti esistenti" fra il governo russo e quello siriano. Gli aiuti militari inviati da Mosca — ha sottolineato la fonte intervistata dal Kommersant — potranno offrire un "contributo significativo" alla lotta contro lo Stato Islamico.

Come ha notato lo stesso presidente Vladimir Putin, la Russia fornisce "considerevole sostegno" alla Siria in termini di equipaggiamenti, training e armamenti.

Tuttavia, gli esperti militari russi — aveva sottolineato ieri Maria Zakharova — sono stati stanziati in Siria non per partecipare a operazioni militari nel paese e il loro è solo un "ruolo di consulenza".    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала