Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Agricoltori della Repubblica Ceca: è ora di farla finita con le sanzioni

© AP Photo / Valentin BianchiFarmers drive their tractors in a line down a main motorway outside of Brussels, Belgium on Sunday, Sept. 6, 2015. Farmers are expected to demonstrate in Brussels on Monday, Sept. 7, 2015
Farmers drive their tractors in a line down a main motorway outside of Brussels, Belgium on Sunday, Sept. 6, 2015. Farmers are expected to demonstrate in Brussels on Monday, Sept. 7, 2015 - Sputnik Italia
Seguici su
Gli agricoltori della Repubblica Ceca hanno già perso circa 1 miliardo di corone (369 milioni di euro) a causa delle sanzioni antirusse.

I 500 milioni di euro, stanziati dalla Commissione europea per aiutare gli agricoltori d'Europa, non bastano per compensare queste perdite, pertanto i rappresentanti della Camera di agricoltura della Repubblica Ceca hanno aderito alla protesta degli agricoltori europei, svolta il 7 settembre a Bruxelles in concomitanza con la riunione straordinaria dell'UE sull'emergenza agricoltura. Insieme ai colleghi di Francia, Belgio e di altri paesi, gli agricoltori cechi hanno rivendicato la revoca delle sanzioni imposte a Mosca. 

Dana Večeřová, il portavoce ufficiale della Camera di agricoltura della Repubblica Ceca, intervistata da "Sputnik Česká republika", ha detto in particolare:

"Avevamo faticato parecchio per occupare il nostro posto nel mercato della Russia, perché non è un mercato facile, col risultato però di aver trovato dei clienti russi. Ma adesso praticamente tutti nostri investimenti sono stati azzerati dalle sanzioni imposte dall'UE.

Questa situazione pesa sia sugli esportatori che sui consumatori. È ora di allentare, e meglio ancora revocare, le sanzioni antirusse e l'embargo con cui Mosca ha risposto. Abbiamo deciso di partecipare alla manifestazione, organizzata lunedì a Bruxelles, dove abbiamo dichiarato con fermezza che è ora di farla finita con le sanzioni, che gli agricoltori sono diventati vittima della politica irragionevole e che il problema deve essere risolto. Noi della Camera di agricoltura non restiamo fermi. Insieme alla Camera alimentare abbiamo inviato una lettera al ministero dell'Agricoltura e al Governo della Repubblica Ceca, esortandoli ad avviare le trattative sulla revoca delle sanzioni. Poi vedremo, se questi nostri sforzi avranno qualche effetto".    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала