Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Per ministro degli Esteri della Slovacchia Schengen di fatto ha cessato di esistere

© REUTERS / Goran TomasevicMigranti in un campo profughi
Migranti in un campo profughi - Sputnik Italia
Seguici su
Il ministro degli Esteri slovacco Miroslav Lajčák ha dichiarato che lo spazio Schengen, pensato per controllare l'ingresso degli stranieri nel territorio della maggior parte dei Paesi dell'Unione Europea di fatto ha cessato di esistere a seguito del massiccio afflusso di clandestini e profughi.

Come riportato da RIA Novosti, lo ha affermato a margine di una riunione del consiglio dei ministri.

"Attraverso i Paesi, che sono obbligati a difendere i confini di Schengen, i migranti si muovono liberamente. In circostanze normali è difficile ottenere un visto Schengen, ora ecco che arrivano decine di migliaia di persone e nessuno fa i controlli. Abbiamo una rete di Schengen o no?"- si domanda Lajčák.

Secondo il ministro, date le circostanze è necessario rafforzare il sistema di difesa delle frontiere esterne tra la UE e i Paesi vicini e "difenderle coerentemente". Il capo della diplomazia slovacca ha rilevato che la Serbia si oppone all'introduzione di quote obbligatorie per l'accoglienza di rifugiati da parte dei singoli Paesi della UE. Questa iniziativa viene promossa attivamente dalla Commissione Europea.

In precedenza i ministri degli Esteri di Germania, Francia e Italia avevano firmato un documento congiunto che richiede una revisione delle norme comunitarie vigenti in materia di concessione di asilo ai migranti e una loro distribuzione equa nei Paesi della UE.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала