Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Team della “propaganda UE” contro la Russia è un progetto molto modesto

© Sputnik . Vladimir FedorenkoMicrofoni mass media russi
Microfoni mass media russi - Sputnik Italia
Seguici su
Nella UE inizia a lavorare il "team di propaganda", annunciato nell'ambito del programma di contrasto contro la cosiddetta "propaganda russa". L'analista politico Sergey Utkin si mostra scettico sul progetto di Bruxelles.

Nella UE dal 1° settembre ha iniziato a lavorare la squadra di propaganda "Eastern Strategic Communications Team". E' costituita da un gruppo di 10 esperti impegnati nella creazione di un'apposita piattaforma informativa. Tutti i materiali pubblicati dovranno rispecchiare il pensiero ufficiale dell'Europa rispetto ad un particolare problema. Inoltre i partecipanti di questo team saranno impegnati a sostenere i media russi che ritengono "giusti".

Il lancio di questo progetto è parte di un più ampio programma comunitario di contrasto contro la cosiddetta "propaganda russa".

Il politologo Sergey Utkin, direttore del dipartimento di Strategia del Centro d'analisi dell'Accademia Russa delle Scienze, ritiene che questo "team di propaganda" non influenzerà il contesto dell'informazione in Europa.

"Non darei molta importanza a questa iniziativa. E' molto modesta. Le persone che entrano in questo gruppo in generale sono dei consulenti. Dovranno spiegare alla macchina burocratica di Bruxelles come una o un'altra azione risponda nell'ambiente russofono dei Paesi vicini della UE e come sia possibile vendere in modo ottimale i "messaggi" informativi. Questo non guadagnerà una portata tale da poter davvero influenzare il quadro dell'informazione," — ha detto Sergey Utkin a Sputnik.

Secondo lui, l'impatto che i media russi hanno sulla popolazione russofona in Europa non può non destare preoccupazione tra i leader dell'Europa.

"Parlare di simpatia per la Russia nell'Unione Europea è in generale troppo presto. Ma c'è una certa influenza sulle comunità russofone nella UE, che, in larga misura, ricevono informazioni dalla televisione russa, apprendendo quindi molte cose attraverso questi canali che vengono trasmessi. Risultano uno strumento piuttosto efficace per promuovere la politica della leadership russa," — ha detto il politologo.

Secondo lui, la creazione di una "squadra di difesa" è una reazione istintiva dell'Unione Europea.

"Un gruppo di consulenti analizzerà la situazione, prepareranno qualche rapporto. Cercheranno di mostrare di fare qualcosa, sebbene non siano nelle condizioni di cambiare la situazione. Questa idea è un riflesso istintivo dopo uno shock, che l'Unione Europea ha subito nel suo complesso," — ha concluso Sergey Utkin.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала