Iran e Cina rafforzano la cooperazione nell'energia nucleare e nel petrolio

© AFP 2022 / STR/VAHIDREZA ALAIIl ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Zarif, giovedì volerà a Islamabad per incontrare il primo ministro pachistano Nawaz Sharif.
Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Zarif, giovedì volerà a Islamabad per incontrare il primo ministro pachistano Nawaz Sharif. - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Si consolidano i rapporti commerciali tra Iran e Cina. L'obiettivo è produrre almeno 20 mila megawatt di energia elettrica. Dopo gli accordi di Vienna, Teheran potrà esportare in tutto il mondo fino a 2 milioni di barili di greggio al giorno.

L'Iran è in trattative con la Cina per acquistare reattori nucleari da 1.000 megawatt. Lo ha annunciato il responsabile dell'Organizzazione iraniana per l'energia atomica, Ali Akbar Salehi, in un'intervista all'agenzia di stampa Irna durante una visita a Pechino.

La cooperazione in questo settore potrebbe essere avviata con la firma di un accordo "entro uno o due mesi". I cinesi, ha aggiunto il funzionario iraniano, sono anche disposti a finanziare il costo del progetto.

Aereo SSJ100 - Sputnik Italia
La Russia conta di allargare la cooperazione con l'Iran nell'aeronautica civile
Iran e Cina hanno raggiunto anche un accordo per la modernizzazione del reattore ad acqua pesante di Arak. Salehi ha discusso col presidente di China National Nuclear Corporation del rafforzamento della cooperazione bilaterale nel settore dell'energia nucleare, con l'obiettivo di produrre almeno 20 mila megawatt di energia elettrica.

La Cina è il più grande partner di Teheran per quanto riguarda il settore petrolifero e nel mese di luglio ha importato 2,44 milioni di tonnellate di petrolio iraniano, pari a 575,700 barili al giorno, in crescita del 3% rispetto a un anno fa. In un clima di sanzioni, la Cina e il mercato asiatico hanno rappresentato per l'Iran una delle principali entrate derivanti dall'esportazione petrolifera.

Attualmente, la produzione di petrolio greggio iraniano è stimata intorno ai 2,7 milioni di barili al giorno. Secondo quanto riferito più volte in questi mesi dal ministero del Petrolio, la futura cancellazione delle principali restrizioni, nel quadro della firma dell'accordo sul nucleare iraniano avvenuta a Vienna lo scorso 14 luglio, consentirà a Teheran di aumentare la propria produzione di 500 mila barili al giorno in pochi mesi. Insieme a questo nuovo impulso l'Iran ha già dato il via a una serie piani di sviluppo dei suoi giacimenti che aggiungeranno al totale altri 1,5 milioni di barili, con un'esportazione quotidiana che tocca i 2 milioni di barili.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала