Emergenza immigrazione. 100mila sbarchi in un solo mese

© AP PhotoMigranti
Migranti - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Triplicati gli sbarchi rispetto allo stesso periodo del 2014. La maggioranza di migranti proveniente da Libia e Siria, tragici teatri di guerra.

Jean-Claude Juncker: dobbiamo lavorare a fondo per agire sull'immigrazione in regola”. - Sputnik Italia
Ue, approvato fondo da 2,6 miliardi per aiutare membri su emergenza migranti
Per la prima volta gli arrivi dei migranti nell'Unione europea hanno oltrepassato la soglia dei 100mila in un solo mese. Lo attestano i dati diffusi ieri da Frontex, l'Agenzia europea per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea. 107.500: più del triplo dello stesso periodo 2014. Così, tra gennaio e luglio il numero degli ingressi in UE si attesta a 340mila. Nello stesso periodo dello scorso anno la cifra era di 123.500, mentre erano stati 280mila in tutto il 2014. Luglio è il terzo mese consecutivo con cifre record, dopo i 70mila di giugno.

Frontex segnala che sia le rotte del Mediterraneo orientale che quella dei Balcani occidentali hanno registrato arrivi ben al di sopra dei picchi del mese precedente. La situazione ha creato una pressione senza precedenti per Grecia, Italia e Ungheria.

La situazione è particolarmente grave in Grecia dove in una sola settimana sono arrivate 21mila persone tra rifugiati e migranti. Nel mese di luglio nel mar Egeo, soprattutto sulle isole greche di Lesbo, Chio, Samo e Kos, sono arrivati circa 50mila migranti. Si tratta principalmente di siriani e afghani che arrivano attraverso le vie della Turchia.

In Italia gli sbarchi sono stati 20mila. Vengono dalla Libia e nove su dieci sono eritrei e nigeriani. In Ungheria gli ingressi dei migranti sono stati 34.800.

"È una situazione d'emergenza per l'Europa che richiede a tutti i 28 Stati di rafforzare il proprio sostegno ai Paesi sottoposti a maggiore pressione",

Migranti in Italia - Sputnik Italia
Migranti, i vescovi italiani contro i politici “piazzisti”

ha dichiarato il direttore esecutivo di Frontex Fabrice Leggeri, rinnovando l'appello, a cui ancora non segue risposta, affinché vengano messi a disposizione mezzi e personale per l'operazione Poseidon in Grecia e Ungheria. Il paradosso è che dopo tanti anni di difficoltà di budget, Frontex ha già pronti i fondi per pagare affitti e salari.

Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant`Egidio ed ex ministro per la cooperazione internazionale e l'integrazione, in un'intervista a La Stampa si dice convinto che "sull'immigrazione è la Germania il modello da seguire per capacità organizzative e senso di responsabilità. Servono corridoi umanitari in Marocco e Libano per regolare i flussi attraverso visti umanitari".

Per l'ex ministro, infatti, "l'emergenza non è in Italia, ma in Siria e in Libia. Dobbiamo strutturare percorsi permanenti per l'accoglienza. Ai migranti va risparmiato il cerchio di fuoco degli scafisti attraverso punti in Marocco e Libano dove possano essere raccolti in attesa di visti umanitari".

© AP Photo / Edvard MolnarMigranti siriani in marcia verso confine serbo-ungherese
Migranti siriani in marcia verso confine serbo-ungherese - Sputnik Italia
Migranti siriani in marcia verso confine serbo-ungherese

Purtroppo, nota Riccardi, in Italia "fazioni politiche giocano una brutta partita elettoralistica riducendo un fenomeno globale, complesso, inarrestabile alla sola emergenza sbarchi. Se non costruiamo percorsi d'integrazione ci priviamo delle basi per la convivenza. Si grida invece di ragionare. L'immigrazione viene presentata come invasione e non se ne coglie, insieme a drammi e problemi, le potenzialità positive. Sbaglio epocale. Non si tratta di fare buonismo verso gli immigrati: l'integrazione è questione di civiltà e lungimiranza. Qui c`è il futuro. Lo dimostra il Papa che è anche grande leader della coscienza europea". 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала