Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caos nello Yemen. Proseguono gli scontri

© REUTERS / StringerFighters of the Southern Resistance Committees comb an area at the frontline of their fighting against Houthi fighters in Yemen's southern city of Aden June 17, 2015
Fighters of the Southern Resistance Committees comb an area at the frontline of their fighting against Houthi fighters in Yemen's southern city of Aden June 17, 2015 - Sputnik Italia
Seguici su
Ancora sangue in Yemen. Gli Houthi occupano l'ambasciata degli Emirati Arabi a Sana'a e le milizie filo governative, sostenute dai raid della colazione araba, si apprestano a prendere il controllo di Taiz, terza città del Paese.

L`attacco terroristico alla moschea di Sanaa, la capitale dello Yemen - Sputnik Italia
Yemen, agguato ad Abyan contro vice speaker Parlamento ed ex ministro Difesa
Gli Emirati Arabi hanno condannato l'occupazione dell'ambasciata di Sana'a in Yemen da parte degli Houthi, annunciando, in un comunicato del ministero degli Esteri, la violazione delle convenzioni e delle norme diplomatiche. L'occupazione dell'edificio giunge mentre le forze fedeli al presidente, Abd Rabbo Mansour Hadi, appoggiate dalla coalizione guidata dall'Arabia Saudita, stanno avanzando contro gli Houthi nelle province meridionali e centrali del Paese. Secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Wam, l'occupazione dell'ambasciata e la relativa evacuazione coatta del suo personale sarebbe avvenuta lo scorso 16 agosto. Da parte sua, il ministero degli Esteri ha precisato che questi atti non scoraggeranno il sostegno degli Emirati al ripristino della stabilità in Yemen.
Yemen, ribelli Huthi - Sputnik Italia
Yemen e coalizione saudita, si va verso la sconfitta degli Houthi

In seguito alla presa di Sana'a da parte degli Houthi nel settembre 2014 e alla successiva cacciata del presidente Hadi prima ad Aden e in seguito in Arabia Saudita, gli Emirati arabi, al pari di altri paesi stranieri, avevano momentaneamente ridotto la rappresentanza diplomatica nella capitale yemenita, in attesa di aprirne una nella città meridionale di Aden. Nonostante tale intenzione, il personale dell'ambasciata è rimasto operativo anche durante questi mesi di guerra. Al momento non è chiaro se i dipendenti fossero in attività al momento dell'assalto dell'edificio da parte degli sciiti.

Ieri il Consiglio di cooperazione del Golfo ha definito l'azione degli Houthi "un atto vile", offrendo il suo pieno appoggio al governo degli Emirati.

Intanto, proseguono i combattimenti tra le forze di Hadi, sostenute dai raid aerei della coalizione guidata dall'Arabia saudita, e gli Houthi per il controllo di Taiz, terza città dello Yemen. Secondo fonti militari, fra il 15 e il 16 agosto sono morte oltre 80 persone. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала