Banca di Russia: svalutazione dello yuan non avrà effetti diretti sul rublo

© AP Photo / EyePress, FILEMonete e banconote dello Yuan cinese
Monete e banconote dello Yuan cinese - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Secondo la Banca centrale della Russia, la svalutazione dello yuan cinese non avrà alcun effetto immediato sul rublo, mentre nel medio termine la moneta russa potrebbe uscirne rafforzata.

Ne informa l'agenzia RIA Novosti, citando le fonti della Banca.

Martedì la Banca Popolare Cinese ha svalutato lo yuan dell'1,9% e il giorno dopo dell'altro 1,6%, sino a 6,3306 yuan per un dollaro USA. Cina ha dichiarato che si tratta di una misura eccezionale, intrapresa per garantire la stabilità della moneta cinese ad un livello "razionale" e promuovere il ruolo del mercato nella determinazione dei cambi.

La Banca centrale della Russia ha rilevato che "la svalutazione dello yuan non avrà effetti significativi sul mercato finanziario della Russia e sulla dinamica del rublo, perché le transazioni in yuan sono pochissime rispetto alle operazioni in dollari ed euro".

Al tempo stesso "nel medio termine possiamo attendere che la svalutazione dello yuan potrà favorire le esportazioni della Cina e la crescita della sua economia. A lungo andare, ciò avrà un'influenza positiva sui prezzi delle materie prime, compreso il petrolio, e quindi sul valore del rublo".    

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала