Arabia Saudita, kamikaze in moschea: 13 morti

© REUTERS / StringerAttentato in moschea sciita della provincia di Al-Qatif, Arabia Saudita
Attentato in moschea sciita della provincia di Al-Qatif, Arabia Saudita - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Un attentato suicida ha colpito un luogo di preghiera frequentato da forze di polizia. Il ministero dell'Interno di Riad: oltre ai 13 agenti morti, ci sono almeno 20 feriti.

Proseguono gli attentati kamikaze nelle moschee in Arabia Saudita, ancora una volta obiettivo dei fondamentalisti islamici.

Questa mattina un attentatore suicida si è fatto esplodere in una moschea di Abha, nella provincia di Asser, provocando la morte di 13 persone ed il ferimento di altre 20.

Il ministero dell'Interno di Riad ha precisato il dato reso noto nei minuti successivi all'attentato dall'emittente panaraba Al Arabiya, che aveva parlato di 17 vittime.

Il luogo di preghiera obiettivo dei terroristi era notoriamente frequentato da agenti di polizia e uomini dell'antiterrorismo. E sarebbero proprio 10 uomini della secial Emergency Force a restare a terra, sempre secondo quanto riferito dalle autorità saudite. Le altre tre vittime sono sono state identificate come persone che lavoravano nella moschea.

Quello di oggi non è il primo attacco contro una moschea in Arabia, dove da mesi le forze speciali saudite stanno dando la caccia all'ISIS. Nell'ultima settimana di maggio si erano concentrati gli attacchi suicidi in due diverse moschee sciite del Paese, mentre nello scorso mese di luglio le autorità di Riad avevano fatto sapere di aver portato a termine 431 arresti, in operazioni mirate allo smantellamento di cellule dello Stato Islamico.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала