Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Grecia, Valls: “Ci sono basi per accordo”

Seguici su
Si respira un crescente ottimismo nelle sedi europee in attesa del vertice dell'Eurogruppo di oggi. Il primo ministro francese sul debito di Atene: non devono esserci tabù.

E stato un referendum contro le politiche sbagliate dell’Europa dell’austerity. - Sputnik Italia
Grecia: i partiti raggiungono consenso sullo scopo del negoziato con creditori
Nella ridda di dichiarazioni che hanno seguito l'esito del referendum greco di domenica si sono ascoltate molte e diverse posizioni, ma fino ad oggi nessuno dei leader europei si era sbilanciato in modo esplicito al punto da aprire sulla possibilità di una ristrutturazione del debito greco.

A farlo questa mattina è stato il primo ministro francese Manuel Valls che, intervistato dall'emittente radiofonica francese RTL, ha teso la mano a Tsipras. "Non esistono tabù sulla ristrutturazione del debito di Atene". Queste le parole di Valls.

"Ci sono le basi per arrivare ad un accordo — ha proseguito Valls — l'Europa non può correre il rischio di un'uscita della Grecia dall'euro. Nessuno — ha proseguito — può dire quali saranno le conseguenze politiche per un popolo che si sentirebbe umiliato".

Le dichiarazioni del primo ministro francese arrivano a poche ore dall'inizio della riunione in cui c'è grande attesa per le proposte di Atene, che verranno illustrate dal Euclid Tsakalotos, neoministro per l'Economia greco e già a capo della delegazione impegnata nella difficile trattativa, ma anche per la reazione dei leader europei, che in queste re hanno confermato a più riprese che c'è ancora spazio di manovra per raggiungere un accordo. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала