Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'obbiettivo dell'Arabia Saudita è una lunga guerra interreligiosa in Yemen

© REUTERS / Mohamed al-SayaghiBombardamenti in Yemen
Bombardamenti in Yemen - Sputnik Italia
Seguici su
Nella città yemenita di Taiz i militanti di Al Qaeda e gli uomini armati del gruppo Al-Islah hanno attaccato il carcere centrale e liberato 1.200 ribelli. Mentre la coalizione bombarda i civili con il pretesto di proteggere le legittime autorità del Paese, i terroristi liberamente attaccano le prigioni e rimettono in libertà i combattenti.

Commenta Abdel Malek al-Fuheydi, redattore capo del giornale yemenita "Almo'tamar":

"La prigione centrale nella città di Taiz, uno dei più grandi carceri nello Yemen, era progettata per i criminali più pericolosi. I militanti del gruppo "Al-Islah" hanno liberato criminali, molti dei quali erano stati condannati a morte per omicidi brutali. Questa è la terza operazione terroristica contro un carcere yemenita per liberare i terroristi. In precedenza i militanti avevano attaccato la prigione centrale di Sana'a e un carcere della provincia di Amran. Tutti i detenuti liberati molto probabilmente aderiranno ad Al Qaeda, come era successo dopo gli attacchi precedenti contro le strutture penitenziarie.

La provincia dello Hadramawt nello Yemen orientale è di fatto un feudo di Al Qaeda, ma la coalizione non effettua nella zona raid aerei contro obiettivi terroristici. Alla domanda "perché la coalizione non bombarda i veri terroristi nello Yemen", i loro rappresentanti dicono "perché non sono il nostro obiettivo."

L'Arabia Saudita guarda con favore la liberazione dei terroristi dal carcere, in quanto se fossero costretti a fermare i loro fallimentari attacchi aerei, potrebbero consegnare lo Yemen ad Al Qaeda, affinchè il Paese resti sommerso nel caos e nel terrore. Poi inizierà un'operazione informale terra ed Al Qaeda farà quello che la coalizione non è stata in grado di fare dal cielo. Vogliono la ripetizione dello stesso scenario in Siria e in Iraq. L'obiettivo a lungo termine dell'Arabia Saudita è che nello Yemen inizi una lunga guerra interreligiosa."

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала