Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tsipras: Creditori hanno respinto alcune proposte

© AFP 2021 / POOL / IVAN SEKRETAREV Greek Prime Minister Alexis Tsipras takes part in a wreath-laying ceremony at the Tomb of the Unknown Soldier by the Kremlin Wall in Moscow
Greek Prime Minister Alexis Tsipras takes part in a wreath-laying ceremony at the Tomb of the Unknown Soldier by the Kremlin Wall in Moscow - Sputnik Italia
Seguici su
A poche ore dall'Eurogruppo che prenderà ufficialmente in esame le proposte di Atene, un funzionario del governo riferisce delle parole del premier ai suoi alleati.

L'indiscrezione arriva mentre infiamma il dibattito interno a Syriza, diviso tra chi non vuole far passare il piano ed i fedeli alla linea di Tsipras.

 Secondo quanto riferito a poche ore dal decisivo Eurogruppo che dovrà esprimersi sul piano di riforme proposto da Atene, arrivano le prime indiscrezioni. Ed i segnali non sembrano buoni per Tsipras, che avrebbe confidato ad alcuni membri del suo staff che i creditori avrebbero già bocciato alcune proposte, tra quelle presentate nella notte tra domenica e lunedì scorsi.

"La non approvazione delle misure compensative — ha riferito alle agenzia di stampa locali un funzionario del governo di Atene — non è mai accaduta prima. Né in Irlanda, né in Portogallo, in nessun posto". Riportando poi il pensiero dello stesso Tsipras, il funzionario ha proseguito sostenendo che "questo atteggiamento può solo significare due cose: o non vogliono l'accordo, o sono al servizio di interessi specifici in Grecia".

© AP Photo / Markus SchreiberGrecia:i prossimi giorni potrebbero essere quelli decisivi.
Grecia:i prossimi giorni potrebbero essere quelli decisivi.  - Sputnik Italia
Grecia:i prossimi giorni potrebbero essere quelli decisivi.

E mentre un intero Paese attende col fiato sospeso l'esito degli ultimi febbrili incontri a Bruxelles per conoscere il proprio futuro, sul fronte interno al partito di governo di inasprisce lo scontro. L'accordo con i creditori infatti, se raggiunto dovrà poi essere sottoposto alla ratifica in parlamento, dove l'ala dura di Syriza ha già preannunciato battaglia. "Questo programma cosi' come ci e' stato presentato e' difficile che passi — ha dichiarato Alexis Mitropoulos, deputato e vice portavoce di Syriza a palazzo Syntagma — Il premier prima deve informare la gente sul motivo per il quale abbiamo fallito in questi negoziati conclusi con questo risultato".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала