Patrushev: sono le emozioni a spingere la gente nel Donbass

© Sputnik . Sergey GuneevNikolay Patrushev, Segretario del Consiglio di sicurezza nazionale della Russia
Nikolay Patrushev, Segretario del Consiglio di sicurezza nazionale della Russia - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il governo della Russia non incoraggia i cittadini che si recano nel Donbass come volontari, ma non lo può impedire, in quanto c’è molta vicinanza storica tra i due popoli.

Lo ha dichiarato il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale della Russia Nikolay Patrushev, che ha rilasciato un'intervista al quotidiano Kommersant.

"Non è casuale che due milioni di profughi, provenienti dall'Ucraina, siano venuti in Russia: hanno qui parenti e amici, ai quali parlano delle atrocità che vengono perpetrate nel paese. Poi scatta la molla delle emozioni, e la gente va lì e partecipa (ai combattimenti)",

ha detto Patrushev.

Secondo Nikolay Patrushev, il conflitto in Ucraina "può essere risolto senza guerra civile, se si seguono gli accordi di Minsk", ma questi accordi non vengono rispettati.

"Siamo pronti ad assistere, ed effettivamente assistiamo, i profughi ucraini, che tra l'altro nè UE, né USA non vogliono ospitare, ma lasciarci coinvolgere nel conflitto civile non è ragionevole",

ha osservato il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale.

Mosca ha più volte dichiarato di essere estranea a quanto accade nell'Est dell'Ucraina, di non essere parte del conflitto interno e di essere interessata alla più rapida uscita del paese dalla crisi politica ed economica.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала