Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nato pronta a creare sistema di sicurezza mondiale per l’energia

© UK Ministry of DefenceBandiera NATO
Bandiera NATO - Sputnik Italia
Seguici su
Energia e difesa sono fattori strettamente interconnessi per l’Alleanza Atlantica, che auspica la collaborazione anche con organizzazioni internazionali non militari con l'ipotesi di lavorare e sostenere nuovi trattati in futuro.

La Nato sta lavorando per creare un sistema di sicurezza condiviso a livello mondiale per l'energia. Lo ha annunciato il responsabile della sezione per la sicurezza energetica dell'Alleanza Atlantica, Michael Ruhle, intervenendo al summit "La sicurezza nel settore energetico in Medio Oriente", organizzato dall'Istituto arabo per gli studi sulla sicurezza nella capitale giordana Amman.

Bandiera del Montenegro - Sputnik Italia
Il Montenegro punta all’ingresso nella Nato nel 2016

Analizzando il presente scenario d'instabilità geopolitica che presenta conflitti dall'Ucraina alla Libia, Ruhle ha precisato quanto la situazione energetica coinvolga non solo il destino dei paesi della regione araba, ma anche il resto del mondo. Per il funzionario della Nato un esempio è avvenuto con il caso ucraino, dove il conflitto in corso e le sanzioni nei confronti della Russia hanno inciso profondamente sul futuro energetico dell'Europa, i cui paesi stanno rivedendo i modelli di approvvigionamento finora basati su produttori quasi esclusivi.

Secondo Ruhle, le rinnovabili sono divenute un settore appetibile e l'imprevisto dell'Ucraina ha spinto i paesi a guardare ad altri tipi di fonti come gas naturale liquefatto (Lng) trasportabile via nave, petrolio e gas da scisti bituminosi, il cui sfruttamento sarebbe reso possibile attraverso le nuove scoperte della tecnologia.

Esercitazioni NATO - Sputnik Italia
NATO dà il via alle esercitazioni Saber Strike

Ruhle ha inoltre fatto notare come oggi i principali snodi per il trasporto energetico corrispondano a punti critici del pianeta, non solo per quanto riguarda le infrastrutture, come gli oleodotti e i gasdotti, ma anche per il trasporto via mare che vede nell'area del Corno d'Africa, del Canale di Suez e dello Stretto di Hormuz le fondamentali vie di passaggio da e verso l'Europa.

In questo contesto, la creazione di politiche attente alla sicurezza del settore energetico ha assunto rilevanza strategica per la Nato.

Il responsabile energia dell'Alleanza atlantica ha quindi rivelato che l'agenda per realizzare futuri standard di difesa nel settore energetico consiste in tre principali elementi. La consultazione a livello politico e la

condivisione delle informazioni d'intelligence nel settore, il contributo nel porre in sicurezza gli impianti energetici sensibili dei paesi alleati e partner, potenziare l'efficienza militare rispetto alle problematiche energetiche.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала